Jesi, 1 settembre 2014 - Un ragazzo di colore ha sfondato la vetrina di un'armeria a Jesi, nel quartiere del Torrione e ha rubato almeno 6 machete e alcuni coltelli. Armato fino ai denti ha iniziato a correre in strada minacciando i passanti (FOTO), ma per fortuna non ha ferito nessuno. Una donna, sfiorata con una coltellata, in preda al terrore ha allertato il 112. 

L'uomo è scappato ancora armato in direzione della chiesa di San Pietro, dove si era barricato. Poi il ragazzo si sarebbe allontanato, facendo di nuovo perdere le proprie tracce, finchè non e' stato raggiunto, bloccato e arrestato da polizia  e carabinieri. Per fermarlo hanno dovuto sparargli a un piede.

Il comandante dei carabinieri di Jesi, capitano Mauro Epifani, e' rimasto lievemente ferito al fianco sinistro mentre tentava di bloccare il giovane. Il militare si era avvicinato all'uomo, circondato dalle forze di polizia nel portico di una chiesa, portando con se' la madre del giovane per convincerlo ad arrendersi, quando e' stato colpito di striscio da un colpo di machete