Ancona, 4 ottobre 2017 - Doveva essere consegnato ad Ancona il container contenente fogli di plastica e rulli, imbarcato su una nave approdata al porto di Gioia Tauro, dove la Guardia di Finanza di Reggio Calabria ha ritrovato 8 borsoni contenenti 271 panetti di cocaina purissima, pari a 308 Kg della letale sostanza.

Mentre il carico ufficiale di materie plastiche doveva raggiungere via mare il porto dorico, la droga doveva fermarsi in Calabria, come ricostruito dagli inquirenti. Lo stupefacente era stato infatti stipato all'interno dei trolley, posizionati subito dietro i portelloni del container, in modo da essere prelevati agevolmente e in maniera rapida. Anche in questo caso quindi, il sistema utilizzato è stato quello del cosiddetto 'rip off', consistente nel riporre immediatamente dietro i portelloni dei container, borsoni o trolley da viaggio contenenti i panetti di coca, in modo da poter essere prelevati dai trafficanti durante la sosta delle merci nelle aree portuali. Il container è partito da Seattle (Usa), con transito a Panama e destinazione finale Ancona. Si tratta dell’ennesimo colpo inferto agli interessi economici delle consorterie