Osimo (Ancona), 5 novembre 2017 -Aveva preso di mira un sacerdote osimano, voleva truffarlo come aveva fatto già in precedenza con altri. Un giorno, non molto tempo fa, l'ha contattato al telefono spiegandogli che doveva perfezionare un cospicuo lascito alla parrocchia da parte della madre defunta.

Per questo chiedeva in anticipo alcune migliaia di euro da depositare su una carta di credito, a fronte delle spese legali. Il parroco ha fiutato subito la truffa e si è rivolto alla polizia che gli ha suggerito di non inviare alcun compenso. Gli agenti del commissariato di polizia di Osimo, seguendo le tracce delle comunicazioni virtuali inviate al sacerdote, sono riusciti a individuare il responsabile della truffa, già conosciuto dalle forze dell'ordine per aver commesso reati analoghi ai danni di parrocchie e varie comunità religiose. Hanno denunciato C.P., molisano di 55 anni, per tentativo di frode informatica.