Portonovo (Ancona), 11 giugno 2017 - Poco dopo le 18 di oggi si sono svolte le operazioni di recupero della mina trovata ieri da un bagnante a Portonovo, nel tratto di spiaggia tra la Torre e lo stabilimento di Paolo Bonetti. Gli agenti della polizia e della guardia costiera sono intervenuti con il nucleo sommozzatori della Marina militare e l'ausilio di due gommoni e hanno lavorato a una decina di metri dalla riva. Intanto il tratto di spiaggia è rimasto offlimits ai bagnanti per l'intera giornata.

L'ordigno è stato trovato dopo alcuni minuti di lavoro e sembrerebbe una mina anticarro e, piuttosto che alla seconda guerra mondiale, risalirebbe al periodo della guerra in ex Jugoslavia.

image

La mina era stata trovata ieri da un bagnante che ha subito segnalato la scoperta alla Capitaneria di porto. L’area è stata immediatamente transennata e interdetta all’accesso via mare e via terra, in attesa dell'intervento del Nucleo artificieri della Marina militare, che ha neutralizzato l’ordigno. È possibile che a farlo riaffiorare dai fondali siano state le correnti marine. Ma non è escluso neppure che la mina sia rimasta impigliata nelle reti di qualche peschereccio.

image