Ancona, 28 dicembre 2017 - E’ stato trovato morto in casa nel giorno del suo 58esimo compleanno. Ancona piange Massimo Boemi medico di spessore, direttore del centro Antidiabetico dell’Inrca. E’ morto nella notte nell’abitazione di via Santa Margherita, quartiere Adriatico. Il dottor Boemi lascia la moglie e tre figli, oltre ai parenti più stretti, gli amici e i tanti colleghi.

E’ stato il padre del professionista a fare la macabra scoperta nella mattinata di ieri, verso le 11, dopo che il medico non aveva risposto alle telefonate di diverse persone che lo stavano cercando. Immediata la richiesta di intervento urgente alla centrale operativa del 118 che ha inviato sul posto l’automedica e un equipaggio della Croce Gialla. Il corpo senza vita del medico dell’Inrca giaceva sul letto, indossava gli occhiali e aveva un libro aperto accanto a sè. Inutile qualsiasi tentativo rianimatorio, Boemi era già deceduto e questo fa pensare che la crisi fatale possa essere intervenuta nel corso della notte. Al momento dell decesso il dottor Boemi era solo in casa. Sarà l’ispezione cadaverica a stabilire le cause del decesso, per ora archiaviate come morte naturale, se legate a complicanze cardiache o neurologiche.

Da quanto è stato possibile ricostruire, di recente il primario soffriva di alcuni problemi alla schiena, un particolare che potrebbe aver causato il peggioramento della situazione. Sul posto ieri mattina è intervenuta anche la polizia che una volta appurata la causa assolutamente naturale del decesso, ha avviato le pratiche del caso e disposto il trasferimento all’istituto di anatomia patologica dell’ospedale regionale di Torrette. La famiglia ha chiesto e ottenuto lo svolgimento dell’autopsia e soltanto al termine della procedura sarà possibile fissare la data del funerale. Un evento che ha sconvolto l’ambiente medico anconetano e non solo. La notizia della morte di Massimo Boemi è subito arrivata all’ospedale geriatrico della Montagnola, dove il medico aveva lavorato fino all’altro giorno. Forse ieri si sarebbe preso un giorno di riposo per festeggiare il suo compleanno.

Il medico anconetano nato e cresciuto professionalmente nel capoluogo dorico e, nello specifico, proprio all’Inrca. Entrato in servizio nel 1991, dal 2003 è diventato direttore di diabetologia e malattie metaboliche, seguendo il solco tracciato dal dottor Paolo Fumelli. Nel 2013 Boemi si era anche avvicinato alla vita politica cittadina, dando vita alla lista civica Voi con Noi assieme agli altri fondatori. Molto apprezzato, grande conoscitore dei segreti della sua professione, era stimato da tutti. I funerali non sono ancora stati fissati.