Ancona, 7 ottobre 2017 - Prende una birra dal frigorifero di un negozio di kebab in centro e, dopo averne bevuto qualche sorso, dice al proprietario che è cattiva e quindi la scaglia contro una parete del locale, mandandola in frantumi. E’ a questo punto che il titolare del negozio gli si avvicina chiedendogli cosa gli fosse preso e, per tutta risposta, il 19enne anconetano gli dà una testata innescando una inevitabile rissa. Ai tavolini, tra i clienti, vi erano infatti tre turchi che gli sono andati incontro per bloccarlo e che lui ha ‘allontanato’ lanciandogli invece delle sedie e mandando a soqquadro il locale.

Pensando di averli messi ‘ko’, i tre clienti si sono invece rialzati e hanno preso dei bastoni di ferro per poi tentare di accerchiarlo. Il giovane è però riuscito a divincolarsi buttando a terra anche i tavolini e iniziando a fuggire lungo corso Stamira per poi attraversare piazza Cavour con i tre alle calcagna, e prendere quindi il Viale della Vittoria in direzione Passetto. Nonostante il ‘chilometro lanciato’, i turchi non avevano la minima intenzione di mollarlo. Una scena che, giovedì alle 22.15, non è passata inosservata ai tanti automobilisti e alle tante persone che proprio lungo il Viale si trovavano per fare una passeggiata e che, nel vedere l’inseguimento a piedi e sentire le folli urla nonché le grida di aiuto, si sono impressionate.

Tante le chiamate pervenute al 113 per segnalare il violento e ‘inspiegabile’ episodio che si stava consumando sotto ai loro occhi. Immediatamente si sono attivate quindi le pattuglie della polizia. Una Volante è riuscita pochi minuti più tardi a rintracciare infatti il giovane con al seguito i tre turchi, che nel frattempo avevano raggiunto piazza Diaz. Tutti bloccati, gli agenti hanno chiesto ai quattro spiegazioni in merito. Il giovane, in stato confusionale, ha riferito di essere stato aggredito a suon di sprangate all’interno del locale mentre i tre negavano, dicendo anzi di essere stati colpiti per primi con le sedie. Il ragazzo, poi accompagnato a Torrette, aveva riportato un livido alla fronte, conseguenza però della testata rifilata al titolare del kebab che ha poi confermato la versione dei tre clienti.

Una volta ricostruita in parte la dinamica della lite, i quattro procederanno eventualmente con la querela di parte. Un inseguimento a piedi che a molti ha ricordato una precedente rissa avvenuta quest’estate al capolinea degli autobus al Monumento quando, ad affrontarsi a colpi di bottiglie e bastoni, furono due gruppi di giovani albanesi e bengalesi incontratisi per un regolamento di conti. Questa volta è andata meglio ma rimane il fatto che la scena protrattasi per diversi minuti sotto agli occhi dei passanti, ha lasciato tutti di stucco.