Senigallia, 3 marzo 2017 - Troppi controlli: stop agli scambisti nei parcheggi. A correre ai ripari una settimana fa, anche l’amministrazione comunale che aveva impedito con una sbarra, l’accesso alle auto nel canneto di Cesano. Nella mappa dei sexy park sono segnalati, nei siti web frequentati da scambisti, i Giardini Morandi, il parcheggio di Strada della Bruciata e il parcheggio di Ciarnin.

Ma nel sito si parla anche del canneto di Cesano: «Noi conosciamo la foce del fiume Cesano, in estate frequentata da nudisti – scrive cp69 –. Ma lì ci hanno fatto capire che di scambi di coppia non ne volevano sapere». La foce del fiume Cesano, nonostante le proteste dei residenti, soprattutto nei week-end estivi è frequentata dai naturisti della zona, molti anche gli amanti della tintarelle integrale che arrivano anche dai comuni vicini. A scoraggiare la presenza di scambisti, ma anche di quanti cercano esperienze hard, sono i continui controlli da parte delle forze dell’ordine, ma anche l’intervento dell’amministrazione comunale che, con una sbarra ha chiuso l’accesso alle auto a Cesano, dove il transito veicolare era già vietato.

Ma in orari notturni, nonostante i divieti, in tanti si avventuravano con l’auto in prossimità del canneto. Nel sito sono evidenziante anche le regole da rispettare da chi decide di darsi appuntamento via web: «Le coppie scelgono chi fare giocare, aspetta sempre un loro segnale. Non puntare gli abbaglianti su un’altra macchina. Rispetta l’ambiente, non lasciare carta o fazzoletti a terra». Incontri sempre più virtuali, perché gli scambisti sono scomparsi al parcheggio di Ciarnin, sempre a causa dei numerosi passaggi delle forze dell’ordine: sul sito di annunci il parcheggio è segnalato come frequentato da gay e bisex.

«E’ una zona molto controllata – scrive Bionsen –. Troppo spesso passano le forze dell’ordine». Niente più scambisti nemmeno ai Giardini Morandi, sempre per i tanti controlli dovuti anche alle numerose proteste da parte dei residenti. A scoraggiarne la frequentazione, anche il parcheggio antistante i giardini, preso d’assalto dagli automobilisti, soprattutto nei mesi estivi. «Non c’è più movimento», scrive aborigeno.

Pugno duro delle forze dell’ordine anche contro le prostitute, dove, a scoraggiare i clienti è anche l’ordinanza che prevede una sanzione di 400 euro a chiunque venga sorpreso a contrattare una prestazione sessuale nel comune di Senigallia.