Ancona, 13 aprile 2017 - Non c'è pace per la fontana delle Tredici cannelle. Dopo i graffiti di Carnevale sul marmo del monumento, dopo i rifiuti e le alghe all’interno delle vasche, stavolta è stata la scalinata del Calamo a subire uno ‘sfregio’: incuranti del valore storico e architettonico dei gradini, ieri mattina gli operai di Multiservizi ci sono passati sopra con il furgone aziendale per raggiungere un cantiere davanti al chiosco Sabbatini.

Per il passaggio dei mezzi esiste in realtà la rampa laterale, che è stata correttamente utilizzata dalla ruspa che doveva raggiungere lo stesso cantiere e che, stando ai commercianti, è riuscita a svoltare senza problemi tra i tavolini all’aperto. Nulla, quindi, avrebbe impedito al camioncino di compiere lo stesso tragitto, che avrebbe permesso di raggiungere il cantiere con la stessa velocità.

Caso ha voluto che il fotografo del Carlino fosse proprio davanti alle Tredici Cannelle quando il mezzo dell’azienda è arrivato in corso Mazzini: il passaggio per le scale è stato quindi fotografato all’istante.

Il furgone di Multiservizi, che è sceso in retromarcia da piazza Roma, è stato anche immortalato in un filmato girato da un commerciante. «Ero fuori del negozio a chiacchierare – racconta Gabriele Bernacchia della gioielleria Giorgi di corso Mazzini – quando ho visto il furgone in cima alla scalinata. Ero convinto che si sarebbe fermato, invece è sceso in retromarcia per le scale come se nulla fosse». Il mezzo non ha prodotto danni alla scalinata, ma si sarebbe potuto sbilanciare durante il percorso, con conseguenze imprevedibili: vi ricordate le ruspe sulla scalinata del Passetto?

Bernacchia, che lavora proprio di fronte al Calamo, indica anche altri aspetti della fontana che sarebbero da rivedere. «Una porzione del basamento è rotta e andrebbe riparata – fa notare – così come la scalinata di via Zappata, costruita in pietra ma rattoppata con il cemento: un vero e proprio scempio».

Quanto alla discesa del mezzo di Multiservizi, i commercianti si chiedono come mai abbia utilizzato le scale. «Forse l’autista è un appassionato di endurance», scherza il dottor Luigi Radici, della Farmacia dell’Orologio di piazza Roma. «Il camion con la ruspa, che pure era molto ingombrante, è passato sulla rampa, che ragione aveva quel furgone di prendere le scale?», si chiede Monica Guerrieri del ristorante da asporto ‘On the go’.

Informata dell’accaduto dal Carlino, Multiservizi annuncia sanzioni disciplinari per i dipendenti che ieri erano a bordo del mezzo. «In riferimento alla foto ripresa presso la fontana del Calamo, un luogo simbolo della città, Multiservizi si scusa per l’accaduto, che non ha provocato danni, ma non ha valide attenuanti. Ciò nonostante tiene a precisare che il mezzo si trovava sul posto per la riparazione urgente di una cospicua perdita d’acqua nei pressi del chiosco ‘Sabbatini’. Non riuscendo ad entrare dalla rampa laterale per la presenza di tavoli e seggiole,  il mezzo è sceso in retromarcia dalle scale. Il fatto è stato severamente sanzionato dalla Multiservizi che ha richiamato il personale coinvolto in attesa di prendere i provvedimenti del caso».