Fabriano (Ancona), 12 aprile 2017 - La fortuna si materializza di notte e quando arriva lo fa in grande stile come mai era capitato prima. Con un colpaccio da un milione e 840 mila euro nella città messa più a dura prova dalla crisi che ha costretto aziende a chiudere e licenziare i dipendenti.

Sono le 22.30 di una tiepida serata di inizio primavera quando un quarantenne fabrianese - ex operaio, attualmente senza lavoro - decide di acquistare alla tabaccheria Centrale al civico 12 di piazza del Comune quattro tagliandi da 5 euro ciascuno dei gratta e vinci ‘Turista per sempre’. Si accomoda al bancone della tabaccheria all’interno del medesimo locale del Bar Centrale e appena si avvede che spuntano due loghi con la scritta ‘Turista per sempre’ - una nella prima colonna orizzontale con cinque caselle, un altro nella seconda - inizia ad andare in confusione. «Sulle prime - rivela Gianni Baroni, titolare della ricevitoria insieme al figlio Francesco - l’uomo ha cacciato un urlo, poi ha cominciato a sbiancare».

A un certo punto ha quasi rischiato di sentirsi male di fronte alla chiara sensazione che la sua vita di disoccupato aveva avuto la più clamorosa delle svolte. «Nel momento in cui ha riconsegnato il tagliando a me e mio figlio - aggiunge Baroni - era ancora molto provato ed in cerca di conferme. Quando abbiamo inserito il biglietto nell’apposito apparecchio per riconoscere le vincite, è comparsa la scritta ‘importo troppo alto, non pagabile’. E così l’ex operaio è tornato a casa avendo la quasi certezza del colpo della vita, ma per essere del tutto sicuro ha dovuto rivolgersi ad un istituto di credito, incaricato di seguire l’intera pratica ed i vari passaggi tecnici interfacciandosi con i Monopoli di Stato. «La vincita - fanno sapere dalla tabaccheria - risale ormai ad una decina di giorni fa. Abbiamo volutamente tenuto la notizia riservata perché prima volevamo essere del tutto sicuri della maxi vittoria».

Un'operazione segreta agevolata anche dal fatto che a quell’ora da fine serata praticamente nessuno, oltre ai titolari, si è accorto dell’incredibile botta di fortuna, peraltro con una formula a scaglioni, ovvero 300 mila euro come prima erogazione, poi 6 mila euro al mese per vent’anni e in coda un bonus finale da 100 mila euro. Quanto basta, insomma, per un presente e un futuro da turista permanente grazie alla vittoria consumatasi all’interno del locale gestito da Francesco Baroni, il padre Gianni e la madre Roberta Valentini, sorella della pornostar fabrianese Eugenia Valentini, per tutti nota come Jessica Rizzo. Proprio l’attrice hard a giugno 2016 inaugurò l’attività della tabaccheria della famiglia Baroni-Valentini che orma da alcuni anni è alla guida del bar posizionato a pochissime decine di metri dalla fontana Sturinalto nel cuore della città.