Ancona, 6 gennaio 2016 - La residenza dell’ex dg di Banca Marche Massimo Bianconi non è più a Roma nel palazzo del Vaticano, diverse e le più varie le segnalazioni: rinviata a data da destinarsi la ‘gita degli onesti’, organizzata dall’imprenditore jesino Daniele Crognaletti. L’agenzia di famiglia di Crognaletti, Esitur, aveva programmato per il 17 gennaio il viaggio alla volta della capitale ma è costretta a rimandare. Sono due i pullman in partenza da Jesi messi a disposizione gratuitamente dall’imprenditore e già completi. Quasi sicuramente il ‘viaggio degli onesti’ si svolgerà la domenica successiva il 24 gennaio: sarebbero già diverse le segnalazioni e gli avvistamenti del manager di Norcia, seduto ai vertici di Banca Marche per oltre otto anni. «In seguito ad alcune nostre ‘verifiche’ – facevano sapere ieri dall’agenzia viaggi jesina – risulta che il signor Massimo Bianconi non abiti più a Roma. Per tale motivo la destinazione del viaggio potrebbe variare, così come la data dello stesso. Quanto prima comunicheremo la data e la destinazione corretta».

Lui, stipendio annuo da 1,5 milioni, buonuscite e benefit per circa 17 milioni di euro in otto anni, di recente si è visto sequestrare dalla Procura beni per 15 milioni di euro. Cortesemente risponde al telefono, ma non rilascia interviste. Al Carlino che lo ha raggiunto telefonicamente un mese fa ha detto di non poter rispondere perché molto impegnato in una riunione. Dice di essere in Italia, pur non precisando dove, qualcuno comunica agli organizzatori di averlo visto nel nord Italia, la città per ora non viene svelata, dimagrito, meno elegante e pimpante di quanto erano abituati a vederlo fino al 2012 quando fu costretto a lasciare la banca. Altri riferiscono di aver saputo da fonte certa che sia all’estero, esattamente in Argentina.

Di certo il manager, 61anni originario di Norcia, accusato di aver creato un buco da mezzo miliardo di euro, viaggia molto in queste settimane, ma gli organizzatori della ‘gita degli onesti’ vogliono almeno essere scuri, se non di trovare lui, almeno di fare in modo che gli arrivino i messaggi dei risparmiatori Banca Marche che hanno perso tutto. «Da Bianconi, che ha guidato Banca Marche dal 2004 al 2012 – ribadisce l’imprenditore Daniele Crognaletti – vogliamo solo spiegazioni. Se non lo farà, inonderemo la sua cassetta delle lettere di messaggi. Saremo lì solo per chiedere spiegazioni – ha sottolineato ancora Crognaletti – Dichiariamo data e modalità del nostro ‘viaggio’ così che Bianconi sappia e si faccia trovare, speriamo abbia il coraggio. Altrimenti inonderemo la sua cassetta delle lettere di messaggi».

Tra i partecipanti, anche il sindaco del Comune di Castelbellino, Andrea Cesaroni, con la fascia tricolore, oltre a tanti imprenditori della zona, tra cui Andrea Pieralisi e Paolo Crognaletti. Altri autobus partiranno da Macerata e forse anche da Jesi saranno più di due: le richieste, infatti, stanno continuando ad arrivare.