Jesi (Ancona), 27 giugno 2017 - E’ il presidente dell’ordine degli ingegneri Roberto Renzi il volto nuovo della giunta Bacci, riconfermato l’11 giugno scorso alle urne. Jesino, oggi pensionato è stato dirigente al Comune di Jesi, in quello di Ancona fino a concludere all’Autorità Portuale di Ancona. A lui, assessore esterno, il sindaco Bacci che stavolta ha scelto una giunta più rosa (quattro assessori donne e tre uomini) affida le deleghe ‘pesanti’ dei Lavori pubblici e urbanistica, ma anche catasto, demanio, politiche per l’edilizia residenziale pubblica, housing sociale, sportello unico attività produttive e protezione civile.

Altro volto nuovo del Bacci bis è la direttrice dell’istituto oncologico marchigiano Jesi e Vallesina Marialuisa Quaglieri, con deleghe ai servizi sociali, politiche di solidarietà, inclusione sociale, politiche della famiglia. Ha anche una nuova delega: coordinamento in ambito sociale e sanitario delle relazioni con la Regione Marche e con l’Azienda sanitaria regionale.

Terzo volto nuovo ma solo per la giuntala consigliera comunale uscente (della lista civica ‘storica’ fondata dal primo cittadino e cioè JesiAmo come la maggior parte dei nuovi assessori) Paola Lenti: a lei ai rapporti con il mondo dell’associazionismo e del terzo settore, servizio civile universale, partecipazione, cittadinanza attiva e beni comuni.

Riconfermati oltre ai tre già annunciati dal sindaco prima delle elezioni: Luca Butini che sarà confermato anche nel ruolo di vicesindaco, Ugo Coltorti e Cinzia Napolitano anche Marisa Campanelli che avrà le deleghe: politiche per l’istruzione, giovanili e del tempo libero, educazione civica, pari opportunità.

Il sindaco Bacci ha trattenuto per sé le deleghe a bilancio, sviluppo economico, personale, innovazione tecnologica, patrimonio, affari generali, società partecipate e polizia locale.