Ascoli, 24 ottobre 2017 - L'Ascoli batte lo Spezia e torna a sorridere. Nel secondo turno infrasettimanale del campionato i bianconeri di Fiorin e Maresca battono 3-1 la formazione ligure e fanno un bel balzo in classifica. In campo sono poche le novità al fischio d'inizio di Balice di Termoli. L'estremo difensore Lanni stringe i denti e va regolarmente in campo nonostante una condizione fisica non ottimale.

La sua spalla destra non è ancora la meglio dopo la gara di Terni. Nelle altre zone del campo i tecnici bianconeri operano un cambio per reparto. In difesa, come anticipato, torna finalmente in campo dal primo minuto il terzino sinistro Mignanelli. Sulla mediana spazio a D'Urso al posto di Carpani e in attacco si rivede Santini come attaccante esterno sinistro. Nell'undici titolare dello Spezia invece scende in campo titolare il grande ex di turno Giorgi. In attacco il tecnico degli ospiti Gallo si affida al campione del mondo Gilardino. Lo spettacolo risente delle due gare in tre giorni: la prima frazione di gara non riserva alcun sussulto.

Nella ripresa l'incontro decolla. Per sbloccare il risultato c'è bisogno di un episodio. E proprio così l'Ascoli riesce a trovare la via del gol. Un'invenzione di D'Urso beffa il portiere avversario in pallonetto. La gioia dei tifosi bianconeri può esplodere. Lo Spezia accusa il colpo e trova più di una difficoltà a reagire. Gallo decide di buttare dentro Granoche e Okereke sostituendo rispettivamente Forte e Giorgi. Standing ovation al momento dell'uscita dell'ex bianconero. Fiorin e Maresca rispondono buttando dentro Mengoni.

La linea bianconera blinda la porta di Lanni e a pochi minuti dal termine, sugli sviluppi di un corner, Carpani trova la zampata del 2-0. La gara sembra terminata ma in pieno recupero arrivano altri due gol. Prima lo Spezia dimezza lo svantaggio con Terzi poi nei secondi finali Favilli si guadagna e trasforma il rigore che sancisce il 3-1 finale. Adesso la classifica si fa decisamente diversa per gli uomini di Fiorin e Maresca che salgono al 14esimo posto con 13 punti.

Da segnalare che come annunciato gli ultras 1898 dell' Ascoli hanno disertato i primi due minuti di partita, per dire no al minuto di riflessione indetto dalla Figc con lettura di un brano del 'Diario di Anna Frank'. Si è comunque trattato di uno sparuto gruppo. La stragrande maggioranza dei tifosi bianconeri era infatti presente allo stadio, anche in curva sud dove è stata applaudita la lettura del brano. Udito solo qualche timido fischio. Il sindaco Guido Castelli dal canto suo, ha condannato il post divulgato su Facebook dagli ultras 1898 prima della partita. 

 

Rivivi la partita minuto per minuto cliccando qui.

Il tabellino

ASCOLI-SPEZIA 3-1

ASCOLI (4-3-3): Lanni; Mogos, Padella, Gigliotti, Mignanelli; Bianchi, Buzzegoli, D'Urso (17' st Carpani); Clemenza (24' st Mengoni), Favilli, Santini (10' st Varela). All. Fiorin-Maresca.

SPEZIA (4-3-1-2): Saloni; De Col, Terzi, Giani, Lopez; Maggiore, Pessina, Giorgi (22' st Okereke); Mastinu; Gilardino (14' st Marilungo), Forte (22' st Granoche). All. Gallo.

Arbitro: Balice di Termoli.

Marcatori: 8' st D'Urso (A), 41' st Carpani (A), 48' st Terzi (S), 50' st Favilli (A).

Note: spettatori 5.147 per un incasso complessivo di 36.226,41 euro; Mignanelli, Buzzegoli e Lanni per l'Ascoli, ammoniti Lopez e Maggiore per lo Spezia; corner 4-3 per lo Spezia; recupero 0' pt, 4' st.

 

 

Risultati e classifica