Ascoli, 23 dicembre 2017 - Era piena e non poteva essere diversamente. La chiesetta di San Luca Evangelista a Villa Pigna ha accolto a malapena tutti coloro che questa sera hanno voluto salutare Carlo, ‘Carletto’, De Vecchis’, venuto a mancare un anno fa per un terribile male che lo ha strappato alla vita terrena a soli 51 anni.


Dopo che il funerale si tenne in forma strettamente riservata, la famiglia oggi ha fatto sì che tutti potessero dare a Carlo il giusto saluto. Parenti, amici e conoscenti, fino ai tanti ex compagni di squadra di quel pallone che l’ha visto in campo fino alla fine e i clienti della rinomata oreficeria di famiglia di viale Benedetto Croce che hanno apprezzato la sua cortesia e disponibilità. Proprio l’essere al servizio di tutti, rispettando chi aveva di fronte e dando, nel campo come nella vita quotidiana, il cuore a chi gli chiedeva un appoggio sono i ricordi che tutti in chiesa avevano impresso. Senza dimenticare le battute e quel sorriso che anche ieri, ad un anno di distanza, brillava nella mente di ognuno.

“Grazie a tutti coloro che hanno partecipato – ha detto la famiglia alla fine della celebrazione -. E’ una testimonianza di quanto era voluto bene. Parlare con queste persone ci ha fatto ritrovare lui”. In memoria di Carlo De Vecchis è stato intitolato anche un premio, la scorsa estate, al miglior giocatore del torneo di calcetto ‘Il sorriso di Davide’, organizzato a Villa Pigna.