Ascoli, 5 novembre 2017 -Un riconoscimento ai decani del commercio piceno. Si è svolta questa mattina in una gremita Sala della Ragione di Palazzo dei Capitani, la cerimonia di premiazione dei Maestri del Lavoro, organizzata ogni anno dalla sezione provinciale ‘50&Più’ di Confcommercio.

Alla presenza del presidente nazionale Renato Borghi di quello regionale Dante di Mattia sono state assegnate le onorificenze di ‘Aquila d’Argento’, ‘Aquila d’Oro’ e ‘Aquila di Diamante’ a chi ha svolto attività commerciale rispettivamente per 25, 40 e 50 anni tra i 6500 iscritti dell’associazione nel territorio ascolano e fermano. La cerimonia, inoltre, ha visto la presenza anche del sindaco Castelli, della vicepresidente della Regione Casini e quella della Provincia Bellini. 

Ecco tutti i nomi delle persone destinatarie del premio:  L’Aquila d’argento, per i 25 anni di attività, assegnata a Enio Edio Amadio, Alessandro Angelini, Mario Bernabei, Dario Brandozzi, Filippo Di Mattia, Rita Assunta Di Sauro, Vladimiro Falzetta, Maria Lancioni, Luigi Levantesi, Maura Mancini, Pasquale Mattiozzi, Graziano Paccapelo, Giancarla Properzi, Giuseppina Seccacini, Paola Silvestri e Romana Volponi. 
L’Aquila d’oro, per chi ha festeggiato 40 anni di attività, a Fausto Addazzi, Alberto Arimatea, Giuseppe Bianconi, Giacomo Calisti, Massimo Cataldi, Armando Ciabattoni, Domenico De Cesaris, Maria Di Tofano, Maria Felicetti, Sergio Fiumaroli, Quirino Gabrielli, Maria Gabriella Galanti, Ivana Manni, Carlo Marcelli, Orfeo Nasini, Giuseppe Ottavi, Pio Pica, Maria Luisa Pulsoni, Luigi Rossi, Antonio Santini, Celestino Sciamanna, Andrea Silvestrini e Rodolfo Vespasiani.

Infine, l’aquila di diamante per i 50 anni di attività è stata assegnata a Gina Teresa Bassetti, Luciano Battistelli, Santolo Buonaiuto, Nerino Camilli, Giuseppe Ciotti, Pierluigi Di Mattia, Alessandro Gabrielli, Bruno Galanti, Franco Olivieri, Gino Petrucci, Lucio Tranquilli e Ada Vannoni.

Nei prossimi giorni dedicheremo una pagina del giornale alla premiazione, con le foto della cerimonia.