Cupra Marittima (Ascoli), 26 dicembre 2017 - Stroncato da un’overdose nella sua abitazione nella notte di Natale. La vittima si chiamava Marco De Santis, aveva 33 anni e risiedeva con il padre a Cupra Marittima.

A trovare il corpo privo di vita, nella sua stanza da letto, è stato il fratello minore che era tornato a Cupra per le festività di Natale, poiché il giovane vive nel nord Italia con la madre. I familiari hanno chiamato i carabinieri della locale stazione e il 118 che ha inviato un equipaggio della Potes di San Benedetto, ma il dottore non ha potuto fare altro che accertare l’avvenuto decesso. Il corpo del giovane era già rigido.

La morte, probabilmente, risaliva alla notte della vigilia di Natale. Poiché la causa del decesso era chiara, non è stato necessario trasportare la salma all’obitorio per l’esame autoptico. Il corpo del ragazzo è stato lasciato nel suo alloggio, a disposizione dei familiari, per il rito funebre. E’ la seconda vittima dell’anno che sta per chiudersi. Il caso precedente accadde il 3 marzo nel bagno di un’azienda che opera nel centro Logistico Marconi a Monteprandone. Il ragazzo aveva 30 anni ed era residente ad Ascoli.