Ascoli, 10 novembre 2017 - Mano pesante del consiglio degli anziani sul caposestiere della Piazzarola, Amedeo Lanciotti, che è stato sospeso per sei mesi. Ieri sera, infatti, l'organo guidato dal presidente Massimo Massetti si è riunito per ratificare quanto proposto dal collegio dei probiviri, in merito al procedimento disciplinare aperto nei confronti dello stesso 'numero uno' biancorosso. A settembre, infatti, quest'ultimo aveva fortemente criticato con un 'post' su Facebook e una lettera l'operato della commissione veterinaria e del professore Alessandro Spadari, che per due volte aveva bocciato il cavallo Subarcu alle visite veterinarie che hanno preceduto le giostre di luglio e agosto. Lanciotti sostenne che il purosangue di proprietà del cavaliere Nicholas Lionetti era stato considerato non idoneo solamente per un pregiudizio nei suoi confronti.

Il collegio dei probiviri, composto dal giudice Emilio Pocci, dal vicario del prefetto Anna Gargiulo e presieduto dall'avvocato Anna Grazia Di Nicola, ha proposto la sospensione del caposestiere, evidenziando alcuni aspetti che sono stati considerati rilevanti ai i fini della stesura del provvedimento. Tra questi la violazione di uno dei principi basilari della carta etica del quintanaro in cui si dichiara il rifiuto della 'cultura' del sospetto che porta a contestare il responso quando sfavorevole.