Ascoli, 6 maggio 2016 - Il Comune mette mano alle tariffe di alcuni impianti sportivi: stavolta sotto la lente dell’Arengo finiscono il Palabasket, la palestra di atletica pesante e la piscina. Un aggiornamento, si legge nel documento istruttorio che accompagna la delibera di giunta con la quale è stato dato il via libera alla rimodulazione, dovuto anche al fatto che le tariffe di questi impianti sono ferme dalla loro introduzione, cioè dal dicembre 2000. A questo aspetto se ne aggiunge un altro, relativo al fatto che «da una ricerca di mercato, effettuata dal Servizio Sport, le tariffe attualmente applicate dal Comune risultano tra le più basse d’Italia e la loro rimodulazione porterebbe a un miglioramento del rapporto economico- finanziario tra i compensi, dovuti all’incremento tariffario, e le spese di gestione».

Ancora, il dirigente spiega che «l’aumento delle tariffe sarà differenziato e saranno salvaguardati i diversamente abili, gli anziani e soprattutto i giovani ed i giovanissimi per favorire l’alfabetizzazione motoria, ad iniziare dalla scuola primaria, e diffondere l’attività dei centri di avviamento allo sport». Andando a spulciare le nuove tariffe, ecco alcuni numeri. Per la piscina, dal primo agosto, il biglietto per l’ingresso (Iva inclusa) si suddivide in diverse categorie: per quello pubblico un massimo di 7 euro all’ora, per i bambini tra 5 e 10 anni fino a un massimo di 5,50 euro all’ora, per gli over 65 un massimo di 6 euro orari e per i diversamenti abili si pagherà fino a un massimo di 3 euro per un’ora. Quattro euro all’ora per gli studenti universitari e 3 per ogni alunno (50 minuti) degli istituti scolastici.

Per la palestra di atletica pesante di via De Dominicis è previsto l’ingresso gratuito al mattino per diversamente abili, over 75 e istituti scolastici. Per le società sportive si va da 2,50 euro all’ora per gli allenamenti dei settori giovanili ai 20 euro all’ora per la gara delle squadre maggiori. Gratuità per i saggi ginnici scolastici. Anche per il Palabasket di via Spalvieri ci sarà la gratuità per le stesse categorie previste per la palestra di atletica pesante; le tariffe per le società sportive andranno dai 2,50 euro orari per gli allenamenti dei settori giovanili ai 20 euro per le partite dei campionati di A e B, che scenderanno a 15 euro orari per i match dei campionati di C, D, Promozione, Prima divisione e Under 20. Le tariffe di questi ultimi due impianti, che entreranno in vigore dal 1 luglio, sono Iva esclusa.