Ascoli, 8 novembre 2017 - Aiuto alle imprese terremotate e a quelle che vogliono uscire dalla crisi: la Camera di Commercio quest'anno ha messo sul piatto 684mila euro per dare sostegno agli investimenti, alla voglia di internazionalizzazione, allo sviluppo eco compatbile, alla ricostruzione post terremoto e ai percorsi di formazione.

L'intervento più 'pesante' è legato al sisma: ci saranno a breve 345mila euro di risorse del fondo di solidarietà del sistema camerale che serviranno a coprire una vasta gamma di lavori: la messa in sicurezza delle imprese danneggiate, la vulnerabilità sismica, l'acquisto di software e piani di marketing; dal fondo arriva anche il sostegno a coloro che hanno subìto danni indiretti, senza il limite della percentuale di calo del fatturato; terza e ultima azione è quella relativa agli interessi di sospensioni di mutui e finanziamenti. Le domande potranno essere presentate a partire dal 15 novembre e la somma massima di contributo per ciascuna azienda sarà di 5mila euro.


Poi ci sono altri bandi che la Camera di Commercio ha finanziato in questo 2017: nel primo semestre c'è stato quello relativo al sostegno agli investimenti delle imprese, con 76mila euro distribuiti tra 66 imprese e che ha generato investimenti per 3,6 milioni; poi quello per le fiere, con 73mila euro erogati a 58 aziende. Entrambi sono stati rifinanziati con altri 70mila euro. Poi i 60mila euro per il bando 'Smart mobility', ora prorogato al 31 dicembre e aperto anche a imprenditori diversi da quelli delle imprese turistiche e ricettive. Infine, l'alternanza scuola-lavoro, con 50mila per le imprese che ospitano studenti entro il 31 agosto 2018 e 10mila euro per gli istituti che si distingueranno in questo percorso attraverso delle buone pratiche.

dl