Ascoli, 11 novembre 2017 - «Motivazioni oggettive di ordine organizzativo». Con questa giustificazione la Mag Mecaer Aviation Group di Monteprandone ha inoltrato lettera di licenziamento a tre dipendenti. «Licenziamenti del tutto improvvisi, arrivati senza alcun confronto con il sindacato o con le istituzioni locali per ricercare soluzioni alternative e volte a salvare il lavoro», hanno spiegato i sindacati metalmeccanici che hanno subito indetto lo sciopero. Uno sciopero di 8 ore andato in scena ieri che ha visto compatti tutti i dipendenti dell’azienda, 150 per la precisione, che hanno atteso per l’intera mattinata insieme alle rappresentanze sindacali, davanti i cancelli, di poter parlare con i dirigenti così da avere spiegazioni. Non le hanno ottenute e anzi i sindacati hanno faticato un bel po’ anche per ottenere un incontro con i vertici aziendali che alla fine si terrà lunedì nella sede di Confindustria ad Ascoli. I sindacati erano pronti ad indire lo stato di agitazione, bloccando anche le prestazioni in trasferta e gli straordinari e a proclamare lo sciopero di una o due ore al giorno quando, grazie anche alle intermediazione di Confindustria, sono riusciti a ottenere l’incontro. «E’ bene ricordare – spiegano ancora i sindacati – che l’azienda sta utilizzando la cassa integrazione».

«E’ inaccettabile – è il grido dei dipendenti assiepati fuori dai cancelli –, il licenziamento di tre colleghi per ricercare la massima efficienza dei processi produttivi al fine di mantenere inalterata la competitività sul mercato, quando attualmente sono presenti da almeno sette anni con contratti di consulenza sei pensionati, quando gran parte del lavoro è già esternalizzato su altre aziende, quando non si è mai fatta una politica aziendale volta alla ricollocazione interna delle risorse, quando non si è neppure provato ad accedere a finanziamenti pubblici per far fronte alla crisi aziendale». I dipendenti esprimono, insomma, preoccupazione poiché temono che questi tre licenziamenti siano il preludio ad ulteriori tagli. La Mag Mecaer Aviation in realtà è una vera e propria eccellenza del territorio nel settore dell’aeronautica. Di recente è stata costruita a Monteprandone anche una nuova pista di atterraggio proprio per questo e sempre di recente ha portato a Monteprandone modelli innovativi e partner esteri. Difficile ipotizzare una imminente crisi, eppure ci sono stati tre licenziamenti. Interpellati, i vertici, hanno risposto: «No comment, questa è la linea dell’azienda». Bocche cucite, almeno, quindi, fino a lunedì quando ci sarà un confronto con i sindacati. Sulla base di come si svilupperà il confronto decideranno se indire un nuovo sciopero o meno.