9 gennaio 2018, San Benedetto del Tronto (Ascoli) - Domenico Spada contro Roberto Bassi, ma non sul ring. Il pugile di Ostia ha infatti rilasciato un video durissimo di provocazione verso il collega sambenedettese, 'reo' di essersi ritirato dall'incontro in programma il prossimo 26 gennaio per «motivi di lavoro». 
«Prima ti rispettavo – dice Spada nel video rivolto a Bassi – oggi ti dico che sei un gran pezzo di ... Sapevi del rinvio ma non hai detto niente. Lo sai quanti sacrifici facciamo noi pugili: rinunce a tavola, rinunce con i propri figli... E tu invece non hai detto niente... Non sei un pugile...».


Nessuna risposta da parte di Bassi, 37 anni, pugile professionista, allenato da Attilio Romanelli nella palestra della Ascoli Boxe. Il suo score è di 10 vittorie, 3 sconfitte e un pareggio. L'ultimo trionfo sul ring del sambenedettese è del 10 ottobre 2015, quando al Palasport di viale del Tiziano a Roma, sconfisse Adallah Paziwapazi. Da lì, un pareggio e una sconfitta contro Andrea Manco, sempre al palasport sambenedettese, e una sconfitta, lo scorso 24 luglio, contro Lasha Guguliani, all'evento organizzato alla Centrale del Foro Italico della Capitale.

Nei giorni scorsi, tuttavia, lo stesso Bassi aveva commentato su Facebook, bollando le polemiche già serpeggianti come «chiacchiere da bar di chi non ha altro da fare se non palesare la propria pochezza».


Spada, detto «Vulcano» per la veemenza con cui si batte sul ring, può contare su 43 vittorie (19 per ko) e 6 sconfitte (1 per ko), è ex campione del mondo Silver Wbc e, nel 2016, ha subito una condanna in primo grado a sette anni di reclusione per l'accusa di usura: secondo gli investigatori, il pugile avrebbe chiesto a un commerciante l'intestazione di un immobile dal valore di 400mila euro a fronte di un prestito da 140mila euro. Spada non perde un match dall'ottobre del 2014, quando fu battuto a Monte Carlo da Martin Murray.
Il match di San Benedetto sarebbe stato valido per la carica di campione italiano dei pesi medi.
m. d. v.