Ascoli, 7 dicembre 2017 - Cosmi sì, Cosmi no. La situazione potrebbe sbloccarsi da un momento all'altro ma adesso, per l'ennesima volta dopo il primo contatto del 21 novembre, è tornato tutto in stand by. L'allenatore umbro ha raggiunto un'intesa di massima per il suo ingaggio (sembra con un accordo di 6 mesi più, in caso di salvezza, premio e contratto biennale), tuttavia chiede anche altro.

Garanzie tecniche prima di tutto, con rinforzi ben precisi da portare a gennaio: almeno quattro giocatori di categoria.

Oltre a questo vuole carta bianca sullo staff: Cosmi ha i suoi fedelissimi, Fabio Bazzani in primis, e non vuole sovrapposizioni con il personale di Maresca e Fiorin. L'Ascoli, insomma, dovrebbe liquidare lo staff attuale (o gran parte di esso) e ingaggiare gli uomini dell'ex Trapani. L'ingranaggio pare si sia inceppato proprio su questo aspetto. Cosmi, che non ha dormito ad Ascoli, è ancora a Perugia ma a breve potrebbe imboccare la Foligno Civitanova per poi raggiungere, nel primo pomeriggio, il Piceno.

Sembra che Bellini voglia incontrarlo di persona e sciogliere gli ultimi nodi. Sempre che, ma appare improbabile, il patron non decida di accontentare tutte le richieste dell'allenatore già stamattina. In questo caso Cosmi rescinderà il contratto che lo lega al Trapani ed è facile che convochi una nuova seduta di allenamento  già per oggi pomeriggio. 

Nel frattempo,  la squadra, senza Bianchi infortunato (e destinato a saltare la sfida di sabato con l'Entella), si è ritrovata per la seduta del mattino al Picchio Village, con Fulvio Fiorin ha provato la coppia Santini-Perez in attacco. Come se nulla fosse