Bologna, 25 luglio 2014 - Candid Camera, questo iol nome dell’operazione antibracconaggio conclusa nei giorni scorsi dai Comandi di Polizia Provinciale di Bologna, Firenze e Prato che ha portato alla denuncia di persone (FOTO) dedite all’uccisione di animali mediante l’utilizzo di armi munite di silenziatori, balestre, puntatori laser e trappole. Il nome dell’operazione nasce dalle modalità di indagine della polizia nei confronti di un ignaro bracconiere, ripreso da un obiettivo nascosto, e terminata con i macabri "selfie" di fuorilegge inconsapevoli che un giorno quelle immagini avrebbero ulteriormente contribuito ad aggravare la loro posizione. Il tutto è iniziato nel Parco regionale dei Laghi di Suviana e Brasimone (zona sempre vietata alla caccia), in località Barbamozza del Comune di Camugnano (Bologna). ù

Un fotoamatore, mimetizzato sotto un capanno in attesa di poter immortalare l'uscita dal bosco di un cervo nobile, grazie ad un potente teleobiettivo ha scattato diverse fotografie a un bracconiere che, ignaro di essere ripreso, con fucile da caccia e silenziatore, era intento alla ricerca e all'abbattimento di selvaggina. Dopo la denuncia del fotografo alla polizia provinciale sono iniziate le indagini volte all'identificazione del bracconiere e di eventuali altre persone coinvolte, che potevano fungergli da basista per la macellazione ed il commercio clandestino delle carni. L'individuazione del bracconiere è risultata particolarmente difficoltosa in quanto proveniva da oltre 100 chilometri di distanza ed era assolutamente sconosciuto in zona tranne che, ovviamente, ad un basista locale, anch'esso poi identificato.

Grazie all'importante attività investigativa svolta dai tre Corpi, che ha previsto anche attività di pedinamento e di intercettazioni telefoniche, nei giorni scorsi è scattato il blitz. L'intervento è iniziato alle prime ore della mattina con la perquisizione domiciliare-locale delle abitazioni di residenza ed in disponibilità delle persone ricercate, nonché degli altri annessi di pertinenza. Durante le operazioni sono stati rinvenuti numerosi mezzi di caccia illegali: due silenziatori da applicare ad armi da fuoco, quattro balestre munite di dardi con lame a rasoio, dotate anche di puntatori laser e fari, otto visori notturni, numerose torce con apposite staffe per posizionamento sulle armi per la caccia notturna, di cui una con impugnatura a mano e attacco per auto, nonché una grossa trappola per la cattura di istrici, dieci crani con palco di cervidi, numerose munizioni a palla non denunciate e la carabina con calcio pieghevole utilizzata per le azioni di bracconaggio.

Sul fuoristrada di uno degli indagati è stato inoltre individuato un vano di plastica, appositamente agganciato sotto al motore, dove veniva occultato e trasportato il silenziatore utilizzato su una carabina monocolpo pieghevole in calibro.44 Remington Magnum opportunamente modificata per inastare il silenziatore in parola. Durante l'attività di perquisizione è stata trovata anche una macchina fotografica digitale contenente foto dei bracconieri con le loro prede appena abbattute. In alcune addirittura era ripreso un basista mentre, orgoglioso e compiaciuto, stava squartando con un'ascia uno stupendo maschio di cervo nobile di peso certamente superiore a 250 chilogrammi.

E’ stato individuato anche il luogo usato per la macellazione degli animali abbattuti. Il locale, posto nelle immediate vicinanze dell'abitazione di uno degli indagati e sito a Camugnano, all'interno del Parco dei Laghi, era appositamente attrezzato con carrucole con ganci, lavatoio ed attrezzature varie (mannaie e coltelli), per appendere e sezionare le carcasse degli animali abbattuti. Qui sono stati rinvenuti, all'interno dei congelatori presenti, 15 chilogrammi di carne di cinghiale e cervo, suddivisa in vari sacchetti pronta per l'utilizzo. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro penale e le persone sono state denunciate per caccia all'interno di zona vietata, con mezzi non consentiti, su specie ed in periodo vietato e per detenzione di parti di arma e munizioni non denunciate. Questa importante operazione mette fine ad una attività illegale di bracconaggio e a un ipotizzabile commercio abusivo di carne, anche con rischio per la salute pubblica