Bologna, 3 settembre 2017 - Quattro luci nere sul mondo per svelare le distopie della società contemporanea. Non a caso il primo singolo dei bolognesi Blacklights si chiama ‘1984’ ed è ispirato a un grande classico del genere, il capolavoro della letteratura novecentesca di George Orwell. Il risultato è un brano di rock alternativo, di impronta americana, curato in ogni dettaglio e rilasciato come singolo, con un interessante videoclip che mostra Luca Fiorito (voce e chitarra), Elia Lazzari (chitarra) Giovanni Gandolfi (basso) e Simone Troccoli (batteria) imprigionati in degli schermi televisivi. L’opera è dello stesso Gandolfi, mentre il brano è stato registrato e missato da Simone Troccoli al Freaky Recording Studio e masterizzato da Andrea De Bernardi all’Eleven Mastering.

Censimento musicale, il regolamento. Ecco come partecipare

Ben orchestrato il connubio tra testo in inglese e la musica, dominata dalle chitarre distorte, in perfetta armonia con una ritmica scandita da frequenti cesure che danno uno spunto originale al brano. Sono pensati con cura anche gli effetti e i giochi vocali, primo tra tutti un falsetto che (cosa rara di questi tempi) diverte senza essere mai troppo ingombrante. ‘1984’ è il primo brano di una band che, in questa formazione, è nata ufficialmente neppure un anno fa, nell’ottobre 2016, sulle ceneri dei ‘Damp Trouble’. Altri due brani sono in arrivo in autunno, per aiutare i Blacklights a percorrere la strada che  porterà alla pubblicazione entro breve di un concept album tutto incentrato sui temi del controllo e della critica sociale.

Mai stati sul palco finora, i Blacklights. La prima occasione sarà il 10 settembre per Suona Bologna, la rassegna curata da Beat-Bit Music School per accompagnare con musica dal vivo i partecipanti alla Run Tune Up. La postazione dei Blacklights è davanti all’edicola Santo Stefano, in Porta Santo Stefano, dalle 9 di mattina e fino al termine della gara. Il secondo appuntamento, insieme a tutti gli altri, sarà invece tra le 15.30 e le 18.30 in piazza Re Enzo, frontalmente a via Rizzoli, a fianco del gazebo di Ageop. Ci sarà da divertirsi

LA SCHEDA

Nome: Blacklights

All’anagrafe: Luca Fiorito, voce e chitarra; Elia Lazzari, chitarra; Giovanni Gandolfi, basso e Simone Troccoli, batteria

Data di nascita: ottobre 2016