Bologna, 7 febbraio 2017 – Aggiungi un posto a tavola, che da oggi arriva Salvador Dalì. O almeno, arrivano i suoi baffi, simbolo dell’artista, sotto forma di panini: è infatti ‘Il Pane di Dalì’ l’iniziativa nata dalla collaborazione tra Ascom, Associazione Panificatori, il Resto del Carlino e gli organizzatori della mostra ‘Dalì Experience’, visitabile a Palazzo Belloni fino al 7 maggio.

Un’iniziativa che porta da oggi fino alla fine della mostra, ogni martedì e sabato, un pane un pane speciale in sei forni della città: una pagnotta all’olio a forma di baffi (stilizzati) di Salvador Dalì.

«Il successo della mostra di Dalì è contagioso – sorride il direttore di Ascom Confcommercio Giancarlo Tonelli –. Per questo i nostri Panificatori hanno deciso di omaggiarla reinterpretando un elemento fondamentale della cucina in generale e della nostra tradizione gastronomica in particolare, il pane. Perché Dalì era un grande appassionato di buona cucina, e da qui nasce il connubio con i nostri artigiani panificatori, amanti dell’arte».

Arte e cucina apprezzati già anche da turisti provenienti da tutta Italia e dall’estero, accorsi in gran numero per assaggiare le specialità bolognesi e soprattutto visitare la mostra ospitata a Palazzo Belloni: «Questo è un modo di ringraziare e rendere omaggio alla mostra e all’artista – prosegue Tonelli –, di cui tutti conoscono i famosissimi baffi». «Un ringraziamento va ai panificatori che hanno aderito a questo progetto per il grande impegno imprenditoriale che hanno dimostrato», aggiunge Thomas Giardini, presidente Associazione Panificatori di Bologna e provincia. «Creare un rapporto fra l’arte, la cultura e la vita quotidiana dei bolognesi è uno degli obiettivi principali di Palazzo Belloni», ha aggiunto Gino Fienga, amministratore di Con-fine Art.

Il pane di Dalì si potrà quindi trovare, tutti i martedì e i sabato da oggi al 7 maggio, nelle seguenti botteghe: Piron Al Furner di Bai Luciano (via Nosadella 5); Paolo Atti & Figli (via Caprarie 7); Forno Pallotti (via del Borgo di San Pietro 59-61); C’era una volta (via Frassinago 21); il Forno di Porta Lame, (via Lame 160); il Panificio Taschetta di Angelo Taschetta (via Andrea Costa 43). I forni aderenti saranno riconoscibili anche grazie a una locandina che ricorderà l’iniziativa e i baffi di Dalì, che esporranno nelle vetrine dei loro negozi. Il prezzo del Pane di Dalì è fisso: 45 centesimi.

Dal pane a un’intera cena con tanto di visita alla mostra. E’ ancora possibile prenotare per la serata ‘Diversamente di Gala - Vottero interpreta Dalì’, in programma giovedì sera. Dopo avere visto l’allestimento a Palazzo Belloni, sarà possibile gustare una cena preparata dallo chef dell’Antica Trattoria del Reno con piatti ispirati dalle opere d’arte. Info e prenotazioni: 347 44 13 166 fino ad esaurimento posti (costo della serata: 120 euro a persona).