Bologna, 10 novembre 2017 - La sessualità, il corpo nudo e la sua trasformazione, strumenti per cercare incessantemente la verità. Questo è il fulcro di “Esposizioni. Pasolini, Foucault e l’esercizio della verità”, il nuovo libro che l’autore Marco Antonio Bazzocchi presenterà sabato 11 novembre (ore 17.30) nell’aula Stabat Mater della Biblioteca dell’Archiginnasio di Bologna. Durante l’incontro interverranno l’antropologa Matilde Callari Galli e Gian Luca Farinelli, direttore della Fondazione Cineteca di Bologna.

Docente di Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università di Bologna, lo studioso si è concentrato in questa sua ultima fatica su due dei pensatori che maggiormente hanno influenza la seconda metà del Novecento, trovando nella rappresentazione del sesso e nella sua analisi politica un elemento di contatto. Mettendo a confronto la cinematografia, dal “Decameron a “Salò o le 120 giornate di Sodoma”, e la letteratura dell’ultimo Pasolini, da “Divina Mimesis” a “Petrolio”, con la filosofia foucaultiana Bazzocchi guiderà i presenti e i lettori in un viaggio alla scoperta dell’estrema trasformazione del poeta e regista nato a Bologna alla ricerca del vero.

Un percorso a ritroso messo nero su bianco dalla casa editrice Il Mulino, che il pubblico potrà approfondire dal vivo durante l’appuntamento promosso da Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna, Biblioteca dell'Archiginnasio e Librerie.Coop con il sostegno di Coop Alleanza 3.0, inserito nel ciclo “Le voci dei libri”.

PASOLINI_9308810_162622