Bologna, 1 giugno 2017 - Dopo il successo della prima edizione in piazza Carducci con una partecipazione di 1.000 persone torna “Cena in Bianco”, il format con marchio registrato nato nel 2012 da un’idea di Antonella Bentivoglio d’Afflitto e diffuso grazie ad Admo Emilia Romagna Onlus, socio promotore dell’associazione per Cena in Bianco Italia. Una cena seduti “fai da te”, tradizionale e molto italiana, aperta a tutti, grandi e piccini, di tutti e per tutti, gratuita per i partecipanti, all’insegna dei valori di convivialità e condivisione, tutti insieme ambasciatori dei valori delle 5 “E” che connotano l’iniziativa: etica, estetica, ecologia, educazione, eleganza. Un solo codice colore per la tavola e per l’abbigliamento, il bianco, il colore base ed il più fotografico di tutti, che unisce le persone esaltandone i volti e le personalità.

Sabato 24 giugno 2017, alle ore 20, in un luogo a sorpresa che verrà svelato in rete sulla pagina Facebook, prenderà vita quindi Cena in Bianco Bologna 2017. Poche e facili le regole per potere partecipare a questa seconda edizione della Cena in Bianco: una cena “fai da te”, ognuno si prepara e porta tutto da casa; ognuno prepara l’allestimento per la propria tavola: candele, fiori, lanterne, centritavola, segnaposti, menu, bolle di sapone e palloncini; ogni partecipante porta tavolo (rettangolare o quadrato), sedie, tovaglia e tovaglioli in tessuto, posate in metallo, piatti in ceramica, bicchieri in vetro (assolutamente vietati carta e plastica); ognuno sceglie il proprio menù e lo prepara (per sé e i commensali alla sua tavola), in tavola solo acqua e vino (assolutamente vietati i superalcolici); ognuno porta il sacchetto della spazzatura e porta via tutti i rifiuti; il luogo deve rimanere pulito come lo troveremo.

Vestitevi di bianco, mettete tutto in un cesto, in una borsa frigo, in un carrellino della spesa o in un trolley (bianco!) e sperimenterete emozioni uniche mangiando in un luogo della vostra città che diventerà teatro della vostra performance.