Bologna, 5 ottobre 2017 - Una rivoluzione religiosa che ha scosso l’occidente cristiano, un viaggio dalla Germania a Bologna alla scoperta di documenti sulla Riforma luterana per ricordarla nel suo quinto centenario. Da qui parte “Lutero e i luterani a Bologna”, la mostra organizzata dall’Archivio di Stato della città che inaugurerà domenica 8 ottobre alle ore 9 presso la Sala Cencetti in Piazza de’ Celestini 4. Visitabile fino a sabato 11 novembre, il percorso indagherà come la cittadina emiliana accolse quel cambiamento epocale.

Il progetto storico-artistico guiderà il pubblico in un viaggio mai affrontato prima attraverso cartigli e miniature provenienti dal patrimonio dell’Archivio e da altri fondi, esposti in maniera organica e facilmente leggibile, per approfondire i legami tra Wittenberg e l’Emilia a cinquecento anni da quel 31 ottobre 1517 in cui Martin Lutero pubblicò le novantacinque tesi contro il Papa e la vendita delle indulgenze.

Curato da Francesca Boris, Bernardino Farolfi, Massimo Giansante, Giorgio Marcon e Diana Tura e promosso in collaborazione con Associazione Il Chiostro dei Celestini, Amici dell'Archivio di Stato di Bologna e Associazione Rabisch, l’allestimento sarà inoltre al centro di un ciclo di iniziative che approfondirà diversi aspetti del periodo rinascimentale felsineo, con visite guidate in calendario già durante il giorno di apertura (alle ore 10.30 e alle ore 16.30) e conferenze tenute da illustri studiosi, da Guido Dall’Olio ad Alberto Melloni, passando per Andrea Gardi.