Sala Bolognese (Bologna), 11 ottobre 2017 – Può un algoritmo valutare sapori, servizio e rapporto qualità prezzo di un ristorante? Certo che sì. Nell’era di TripAdvisor può anche stilare una classifica che mette in fila i migliori locali di lusso della Penisola. La speciale graduatoria si chiama ‘Traveler’s Choice Restaurants’ e quest’anno registra l’irruzione di un ristorante bolognese, l’Ensama Pesce di Sala.

Fondato nel 2013, propone una cucina semplice ed essenziale. Ovviamente ispirata ai sapori del mare. Lo slogan del locale è quasi un manifesto programmatico: “Quando il pescato è fresco va solo accompagnato a tavola”. Le specialità? “Crudità e piatti pugliesi”, risponde lo chef Sabino Triglione, originario di Trinitapoli (Barletta-Andria-Trani). “Dopo una serie di esperienze come cuoco al servizio di famiglie importanti – racconta -, ho deciso di dar vita a questo progetto”.

Un ristorante che propone pesce, certo, ma anche pasticceria e gelateria. A prezzi meno spaventosi di quanto la categoria “lusso” potrebbe far pensare. Parola di chef: “Per mangiare qui si spendono circa 40 euro ordinando alla carta, oppure massimo 70 euro a persona se si sceglie il menù degustazione, che comprende sette portate”.

L’algoritmo di TripAdvisor, che ha preso in considerazione la quantità e la qualità delle recensioni pubblicate dagli utenti negli ultimi dodici mesi, ha collocato l’Ensame Pesce di Sala Bolognese al quarto posto della classifica. La reazione di Triglione? “Felicità assoluta”, commenta. “Questo riconoscimento – spiega - dà valore alle diciotto ore di lavoro giornaliero, che da domani diventeranno venti perché la gente si aspetta sempre di più”.

E perché, magari, il podio può diventare il prossimo obiettivo. Intanto, quest’anno, sul gradino più alto si è confermato per la seconda volta consecutiva il Don Alfonso 1890 di Sant’Agata sui Due Golfi (Napoli), seguito dal ristorante Da Vittorio di Brusaporto (Bergamo) e dall’Uliassi di Senigallia (Ancona). Ma la sfida continua, fino all’ultima recensione.