Bologna, 2 gennaio 2018 – Lo shopping natalizio non ha esaurito la vostra voglia di acquisti? Niente paura: il 5 gennaio in Emilia Romagna avranno inizio i saldi invernali del 2018. Dureranno circa due mesi, visto che la chiusura è prevista il 4 marzo prossimo.

Ma come sanno bene i consumatori esperti, le vere occasioni si trovano nei primi giorni. “Quest’anno gli sconti di partenza saranno più alti della media, e i saldi invernali somiglieranno a un black friday ‘sotto casa’, solo più accessibile e di maggiore durata”, spiega Roberto Manzoni, presidente di Fismo Confesercenti. Secondo l’organizzazione di categoria, il 56% dei negozi partirà con il 30%, mentre il resto praticherà riduzioni iniziali ancora più sostanziose, comprese tra il 40 ed il 50% del prezzo di cartellino.

Tendenze moda 2018, i must have da avere nell'armadio

In Emilia Romagna, le previsioni parlano di una spesa media di 175 euro a persona, per un ammontare complessivo di 595 milioni di euro di vendite. Lo fa sapere Confesercenti regionale che sottolinea quanto i saldi siano "una buona occasione per acquistare a prezzi scontati articoli di qualità".

Dopo il discreto andamento delle vendite natalizie, aggiunge l'osservatorio dell'associazione di categoria, "i saldi sono una buona occasione, soprattutto per quanti desiderano acquistare prodotti, non strettamente legati alle strenne natalizie, di qualità a prezzi accessibili".

 “Da parte dei nostri commercianti c’è grande attesa per queste vendite di fine stagione – dichiara Marco Cremonini, presidente di Federmoda Confcommercio Emilia Romagna. Dopo una partenza lenta, il mese di dicembre si è concluso con un andamento delle vendite nel complesso soddisfacente anche per i negozi di abbigliamento e ci sono buone aspettative che questi saldi, grazie al ritorno alla fiducia da parte delle famiglie, possano favorire una ripresa degli acquisti anche per quanto riguarda i capi più importanti, come giubbotti e giacconi, solitamente rimandati a questo periodo dell’anno”.

Secondo le stime dell'Ufficio Studi di Confcommercio ogni famiglia, in occasione dei saldi invernali 2018, spenderà 331 euro per l'acquisto di capi d'abbigliamento, calzature ed accessori, leggermente meno dello scorso anno, ma comunque in linea con il momento.

“I saldi – aggiunge il presidente Cremonini – continuano a rappresentare un momento importante in termini di fatturato per le imprese del commercio al dettaglio, oltre che una valida opportunità per i consumatori di effettuare acquisti di qualità a prezzi convenienti, approfittando dell’assortimento, del servizio e dell’affidabilità dei negozi di moda e tessili tradizionali”.