HOMEPAGE > Bologna > Nobel a Bersani, le prime adesioni De Maria: "E' giustio, impegnamoci"

Nobel a Bersani,
le prime adesioni
De Maria: "E' giustio, impegnamoci"

De Maria, Cevenini e Mengoli tutti concordi nel considerare il senatore Giovanni Bersani la persona giusta alla quale consegnare il Nobel per la Pace

Stampa l'articolo Invia per e-mail Clicca due volte su qualsiasi
parola di questo articolo per
visualizzare una sua definizione
tratta dai dizionari Zanichelli
| | condividi

BOLOGNA, 26 SETTEMBRE 2010 - ANDREA DE MARIA, ex segretario del Pd, oggi impegnato nel partito a Roma, è tra i primi ad aderire. «Ho conosciuto Bersani quand’ero sindaco di Marzabotto — racconta —. Il Nobel per la Pace è un riconoscimento giusto. Bersani ha dedicato la vita alla cooperazione internazionale. A portare nel mondo la storia e l’identità del nostro Paese. Insieme, ha tenuto salde le radici a Bologna. Ha fatto la politica estera dell’Italia in Africa. Una politica di pace. Merita un impegno trasversale, di tutta la comunità. Giusto che un grande quotidiano come il Carlino costruisca la proposta del Nobel. Credo che tutti, forze politiche, parti sociali e istituzionali, debbano dare una mano. Bersani è anche la prova che certe divisioni da guerra fredda sono state superate. Alla fine personalità come Dozza, Dossetti, Zangheri e Fanti hanno fatto grande Bologna con il senso dello Stato e l’attaccamento alle istituzioni. Sono finite quelle divisioni, è rimasta una storia bellissima».

La proposta del Nobel per la Pace al senatore democristiano riscalda anche il cuore di Maurizio Cevenini, quasi candidato sindaco del Pd. «Bersani è un esempio — riconosce —. Nella sua intervista al Carlino mi colpisce soprattutto la sua idea di politica. Abbiamo completamente perso negli ultimi anni l’idea che possa essere amicizia, condivisione e superamento delle barriere. E’ la parola ‘rispetto’ che trasuda da tutto quello che dice. Lo vedo come una scintilla, oggi che siamo nella stagione dei veleni».

 Paolo Mengoli, direttore della Caritas, parlamentare Dc tra il 92 e il 94, considera Bersani «un’icona, un modello di come si fa la politica. Ho conosciuto La Pira, era della stessa pasta. I partiti erano comunità. C’era una scuola e una selezione. Non potevi fare porcherie, ti correggevano prima. Perché Bersani non ha un successore? Perché non contano più le persone ma le camarille romane».
 


Oggi 14°
Domani 14°
Previsioni a cura del centro Epson Meteo
Articoli correlati
ProntoImprese
oggi
domani
Mediocre
Accettabile

Tutte le previsioni

Visualizza tutti gli annunci

02/12/2011 - Bologna

Regional Account Manager (Beers)

Wells And Young'S

02/12/2011 - Bologna

Venditori/venditrici

Azienda Austriaca

02/12/2011 - Bologna

Agenti venditori e/o informatori

Tenortho Srl

25/11/2011 - Bologna

Diplomato/a o laureato/a in scienze economiche

Primaria Azienda Commerciale Regionale

25/11/2011 - Bologna

Tecnico commerciale

Efa Automazione

Pieve Di Cento

Appartamento a Bologna

161000 €

Sala Bolognese

Appartamento a Bologna

238000 €

Bologna

Appartamento a Bologna

248000 €

Ricerca avanzata annunci

FERRARI RENATO

annuncio

LAZZARINI EDDA

annuncio

MASETTI IVANNA

annuncio

CARANO GIORGIO

anniversario

GUSELLA ANGELO

ringraziamento

PAPPALARDO ANTONELLA

anniversario

PASQUALI GABRIELLA

anniversario

il Resto del Carlino su Facebook