Licenziamenti, i dipendenti della Sforza vestiti da Babbo Natale protestano in Galleria Cavour

I 48 lavoratori hanno posato davanti alle vetrine e poi hanno distribuito ai passanti la lettera di protesta inviata al presidente del gruppo Kering: "Richiesta di mobilità immotivata"

s. arm.

Foto Schicchi (1 / 16)

Foto Schicchi (2 / 16)

Foto Schicchi (3 / 16)

Foto Schicchi (4 / 16)

Foto Schicchi (5 / 16)

Foto Schicchi (6 / 16)

Foto Schicchi (7 / 16)

Foto Schicchi (8 / 16)

Foto Schicchi (9 / 16)

Foto Schicchi (10 / 16)

Foto Schicchi (11 / 16)

Foto Schicchi (12 / 16)

Foto Schicchi (13 / 16)

Foto Schicchi (14 / 16)

Foto Schicchi (15 / 16)

Foto Schicchi (16 / 16)

Bologna, 29 novembre 2013 - Si sono presentati vestiti da Babbi Natale in Galleria Cavour, hanno posato davanti alle vetrine scintillanti delle boutique di alta moda e poi hanno distribuito ai passanti la lettera di protesta inviata al presidente del gruppo Kering, monsieur Francois Pinault. C’erano quasi tutti, ieri, i 48 dipendenti della bolognese Sforza. Chiedono conto di una richiesta di mobilità immotivata, visto che “l’azienda non è mai andata in crisi e, anzi, ha ripianato i debiti dell’azienda-madre Brioni e ha chiuso il 2012 con un utile di 20 milioni”, ha spiegato Beatrice Cenci, di Filctem-Cgil. “Per premio – s’indignano i dipendenti - vogliono chiuderci perché troppo distanti da Penne, in Abruzzo, dove ha sede la Brioni”.

s. arm.