Bologna, 5 dicembre 2017 – Sono in arrivo prima dell’estate i nuovi autovelox già acquistati dal Comune.

Non si tratta di altri occhi elettronici destinati a stangare gli automobilisti che corrono oltre i limiti: i dispositivi, infatti, saranno installati in viale Panzacchi e in via Stalingrado, dove i rilevatori di velocità sono già attivi da circa un anno, ma fino a oggi venivano utilizzati a rotazione un senso di marcia alla volta.

Da giugno, invece, non ci sarà scampo. A confermarlo è il direttore del settore Mobilità di palazzo d’Accursio, Cleto Carlini, rispondendo a un’interrogazione del capogruppo di Forza Italia, Marco Lisei: «Gli autovelox – scrive Carlini – completano il progetto ‘Pssu - controllo della velocità in viale Panzacchi e via Stalingrado’, che non prevede ulteriori postazioni di rilievo rispetto a quelle in essere, ma il solo completamento di quelle già realizzate».

I due dispositivi sono costati alle casse comunali 100mila euro. Un investimento già ampiamente ripagato: in termini di sicurezza, perché le auto – soprattutto in via Stalingrado – sono costrette a ridurre drasticamente la velocità, ma anche economicamente, dato i velox incassano in multe circa un milione di euro al mese.