Bologna, 29 dicembre 2017 - Il Gup del tribunale di Bologna Letizio Magliaro ha pronunciato sei sentenze di condanna, la più alta a cinque anni e otto mesi, a carico dei componenti di una banda di ‘bancomattari' arrestati dalla polizia ad agosto 2016, per una serie di assalti esplosivi a sportelli tra le province di Milano, Roma e Bologna.

Era l’operazione ‘Vacanze Romane’ della squadra mobile della Questura. La pena più alta è stata inflitta ad Andrea Semilia, difeso dall’avvocato Roberto D’Errico e ritenuto dal Pm Domenico Ambrosino uno dei promotori dell’associazione a delinquere contestata, insieme a Alessandro Buccolieri e Giuseppe Greco, difesi dagli avvocati D’Errico e Alessandro Cristofori e condannati rispettivamente a quattro anni e dieci mesi e a quattro anni e quattro mesi.

Partecipi dell’associazione erano Gerardo De Lucia, Danilo Faccioli e Cristian Casarotti, condannati a due anni e dieci mesi. Nei confronti di Casarotti, difeso dall’avvocato Savino Lupo, il pm aveva chiesto tre anni e otto mesi. Altre posizioni sono state definite con patteggiamenti.

LEGGI ANCHE - Le intercettazioni