Bologna, 1° gennaio 2017 - Più che di un restauro, il 'Nettuno' avrebbe bisogno di un paio di boxer. Almeno secondo Facebook che ha definito il 'Gigante' bolognese "sessualmente esplicito" e per questo motivo ha bloccato l'inserzione pubblicitaria di una pagina. A imbattersi in questa (incredibile) censura 2.0 è stata Elisa Barbari, una scrittrice con la passione per la storia e l'arte declinate sotto le Due Torri.

“Volevo sponsorizzare la mia pagina ma a quanto pare per Facebook la foto del nostro Gigante è un contenuto esplicitamente sessuale che mostra eccessivamente il corpo o si concentra su parti del corpo senza che sia necessario. Il Nettuno?? Robe da matti!”, scriveva venerdì sera la Barbari in un post nell'omonima pagina che conta quasi 10mila fan. "La tua inserzione non è stata approvata perché viola le linee guida sulle pubblicità di Facebook perché presenta un'immagine con contenuto esplicitamente sessuale che mostra eccessivamente il corpo o si concentra su parti del corpo senza che sia necessario", è stata la motivazione che il più celebre dei social network ha dato nel negare la pubblicazione della pubblicità e nel rifiutare, di conseguenza, i soldi che la ragazza sarebbe stata disposta a investire per dare visibilità alla sua pagina.

La giovane scrittrice ha contattato l'assistenza per cercare di spiegare l'evidente malinteso, ma le sue ragioni hanno sbattuto ancora una volta contro le rigidi pareti del divieto social. "Dal momento che non rispetta le Normative pubblicitarie di Facebook in quanto promuove prodotti o servizi per adulti, la tua inserzione non è stata approvata. Non è consentito l'uso di immagini o video di nudo o di scollature troppo profonde, anche se per fini artistici o educativi".

Di fronte a questa seconda replica, ancora più incredibile della prima, Elisa ha alzato le mani dalla tastiera e si è arresa. Ma il suo sfogo ha incontrato il sostegno dei suoi fan: centinaia i commenti al post, divisi tra l'ironia e l'irritazione per l'applicazione così inflessibile di una regola.

AGGIORNAMENTO 3 gennaio: Facebook ammette: "E' stato un errore", e dà il via libera all'inserzione