Bologna, 12 agosto 2017 - Il soccorso alpino dell’Emilia Romagna piange uno dei suoi veterani. Giorgio Ghedini, 63 anni, è morto ieri mattina. Lui, che del salvare le vite altrui aveva fatto una ragione di vita, nulla ha potuto contro la malattia che in breve tempo lo ha portato via.

Ghedini era medico e soccorritore e aveva preparato come formatore generazioni di tecnici, sempre distinguendosi per le sue doti umane fuori dal comune. Era in forza alla stazione di Rocca di Badolo ed era rimasto operativo fino all’ultimo. Il Saer, presieduto da Danilo Righi, lo ha salutato sulla sua pagina Facebook: «Ciao, Giorgio, che la terra ti sia lieve».

«Era un grande professionista, e una persona di grande umanità, che ho avuto la fortuna di conoscere e di frequentare», lo ricorda Christian Labanti, capostazione del soccorso alpino di Rocca di Badolo. L’addio a Giorgio Ghedini, che lascia la moglie e un figlio, si terrà mercoledì 16 agosto alle 10 nella Sala del Pantheon alla Certosa.