Bologna, 17 aprile 2017 - Una violenta grandinata, per fortuna di breve durata, si è abbattuta nella tarda serata di ieri su Bologna e provincia, sulla Bassa Modenese, il Centese, il Ravennate, il Forlivese e in riviera. I grossi chicchi caduti dal cielo hanno causato anche ammaccature alle automobili parcheggiate in strada o nei cortili. Notevoli anche i danni registrati nelle campagne: gli alberi di frutto già in fiore o addirittura in frutto hanno subìto gravi problemi. 

La mappa satellitare dei fulmini caduti ieri seraL'intensità della pioggia ha provocato piccoli allagamenti e per il vento sono caduti alcuni alberi. Molto intensa anche l'attività elettrica, come si può vedere nella mappa satellitare che ha fotografato i fulmini caduti nelle ultime 24 ore. Il maltempo è arrivato puntuale, come previsto dall'allerta meteo diramata nei giorni scorsi dalla Protezione civile. Oggi, giorno di Pasquetta, è ritornato il sereno. Ma, per i prossimi giorni, ora l'incubo è la possibile gelata che potrebbe arrivare insieme al brusco calo delle temperature.

Avete immortalato la grandine? Mandateci le vostre immagini a fotolettori@ilcarlino.net.

I DANNI IN CAMPAGNA  - Chicchi di grandine grandi come albicocche, da ovest verso est, con danni agli alberi da frutta che si trovano in piena fioritura, agli ortaggi e a grano e in alcuni casi barbabietole: un vero e proprio disastro, quello che stanotte ha colpito le campagne, provocando pesanti danni, come emerge da un primo monitoraggio di Coldiretti, che si sta attivando per chiedere lo stato di calamità. 

Maltempo, campi devastati dalla grandine nelle campagne bolognesiNell'area nord-ovest del bolognese colpiti soprattutto i frutteti, facendo cadere i fiori e in alcuni casi danneggiando le reti antigrandine: le conseguenze riguarderanno soprattutto la perdita di buona parte della produzione della frutta estiva. A nord-est il territorio è a forte vocazione orticola e cerealicola: colpiti soprattutto gli ortaggi, con la devastazione delle cipolle autunnali, forti danni sulla cipolla primaverile e danni al grano a due mesi dalla raccolta. Danni anche alle barbabietole, in particolare quelle da seme. In alcuni casi danneggiato anche qualche vigneto.