Bologna, 2 gennaio 2018–In sei anni le multe sono aumentate molto, sia per le auto, sia per moto e bici. Oscillazioni in eccesso – talvolta anche in diminuzione – che in alcuni casi hanno quasi o pienamente raggiunto il raddoppio. È il caso degli autoveicoli: secondo i dati comunicati dal Comune in risposta a un’interrogazione di Marco Lisei (capogruppo Forza Italia in Comune), nel 2012 le sanzioni per infrazioni al Codice della strada erano 491.823. Nel 2017, al 30 ottobre, sono 670.606. Quindi, con una proiezione che per fine anno sfonda abbondantemente quota 700mila, con un +46,5% sui 5 anni.

Proporzioni simili per le biciclette: nel 2012 le multe erano 574, mentre a ottobre 2017 eravamo a 1.202. Un raddoppio raggiunto quindi soltanto in 10 mesi, anche grazie alcelebre ‘Risveglio civico’ voluto in autunno da Merola. Per le moto siamo passati da 20.036 a 26.334 multe, mentre per i ciclomotori siamo essenzialmente sul pareggio: dai 9.644 del 2012 ai 7.529 dei primi 10 mesi del 2017.

«In pochi anni – dichiarano Galeazzo Bignami, capogruppo FI in Regione, e Marco Lisei – le sanzioni sono aumentate di circa il 50% a prescindere dal veicolo. Un trend che non lascia alcun dubbio selle reali intenzioni del Comune a guida PD. Un aumento di sanzioni che non ha prodotto alcun risultato in termini di sicurezza stradale, come mostrano i dati sugli incidenti stradali. Bene ci sia una maggiore attenzione alle bici. Fino a pochi anni fa era una categoria praticamente immune. Speriamo ci sia più prevenzione in tutte le direzioni».