Bologna, 13 settembre 2017 – Torna anche quest’anno il binomio consolidato ‘Pane e Carlino’, iniziativa nata per valorizzare i prodotti da forno artigianali del territorio e promuovere un alimentazione sana e genuina.

Il progetto nasce dalla collaborazione del nostro giornale con l’Associazione panificatori di Bologna e provincia, Confcommercio Ascom e La bottega del fornaio.

Dal 18 settembre all’11 novembre, dal martedì alla domenica, acquistando il Resto del Carlino i lettori potranno trovare, nella sezione della cronaca di Bologna, uno speciale tagliandino da ritagliare e consegnare nei forni che aderiscono all’iniziativa (l’elenco è pubblicato su www.ascom.bo.it), per ricevere in omaggio un pacco di pasta da mezzo chilo e un barattolo di pomodori pelati, a fronte di una spesa complessiva di 5 euro su pane e prodotti da forno.

Ma l’edizione di quest’anno presenterà anche una gustosa novità per gli utenti del web: inviando una foto con il quotidiano e il proprio prodotto preferito si potrà partecipare a uno speciale concorso. Gli autori degli scatti più divertenti potranno così aggiudicarsi la possibilità di partecipare a un corso di cucina con i maestri panificatori.

“Un progetto collaudato – sottolinea Thomas Giardini, presidente dell’Associazione panificatori –, che come ogni anno vuole garantire prodotti di qualità e anche un buon vantaggio economico al consumatore. La produzione del cibo ormai è sempre più industrializzata e globalizzata, e questo si riflette sulle abitudini alimentari e sulla nostra salute. Noi vogliamo far avvicinare ai forni tradizionali anche chi abitualmente non verrebbe, per far toccare con mano la differenza abissale tra i prodotti genuini e quelli industriali o surgelati”.

“È molto positivo – aggiunge Riccardo Fontanella, ad di Panificatori spa – riuscire a coniugare la solidarietà verso la clientela dei fornai bolognesi con l’intento di far conoscere i nostri prodotti a marchio ‘La bottega del fornaio’. Essere ancora parte dell’iniziativa ci inorgoglisce e rafforza il legame con il territorio. Ma questo non vale solo per noi: basta pensare che il fornitore dei pomodori pelati si è sincerato della ripetizione di Pane e Carlino per mettere appositamente da parte una selezioni di prodotti dal calibro maggiore, come esempio dell’assoluto indice di qualità”.