Bologna, 14 novembre 2017 -  È stato condannato a 11 mesi di reclusione per tentata concussione e detenzione di materiale pedopornografico Luca Sgarbi, il professore associato di Diritto del Lavoro all'università di Torino. Il docente bolognese, difeso dagli avvocati Simona Grabbi e Mauro Ronco, era stato denunciato da una studentessa a cui aveva promesso un voto alto in cambio di favori sessuali e foto hard. Il pm è Gianfranco Colace.

Prof evade dai domiciliari per comprare cocaina

una pena mite, che riflette la scarsa gravità del fatto", ha commentato l'avvocato Simona Grabbi, che con il collega Mauro Ronco difende Luca Sgarbi. "La contestazione di possesso di materiale pedopornografico fa riferimento a quattro file, in download da emule. Il resto del materiale, per cui il mio cliente è stato assolto, erano file cestinati». Rispetto alla denuncia della studentessa, Sgarbi ha precisato: "Ho chiesto di vedere foto hot che la ragazza aveva detto da avere sui siti d'incontri".

"In aula si è combattuto molto, anche sulla qualificazione giuridica. Questa non ci soddisfa", aggiunge il legale. "Non è stato un ricatto. Leggeremo le motivazioni e valutare se fare ricorso". 

Perizia psichiatrica per il prof