Bologna, 7 dicembre 2017 – Nonostante i fari accesi da Striscia la Notizia, in zona Montagnola si continua a spacciare. Per giunta davanti alla scuola Giaccaglia Betti, dove intorno alle 11 di ieri un 25enne nigeriano irregolare è stato pizzicato mentre vendeva marijuana a un ragazzo di sedici anni.

Poco più di un grammo (1,10) costato 20 euro al cliente e l’arresto al venditore, per opera della polizia. Gli agenti gli hanno contestato il reato di detenzione ai fini di spaccio aggravata dalla cessione a un minore e dal fatto che lo scambio sia avvenuto vicino a una scuola. È stato identificato anche il giovane acquirente, che ha consegnato il ‘fumo’ ai poliziotti ed è stato sanzionato per uso personale. Il pusher è stato rinchiuso nel carcere della Dozza in attesa dell’udienza di convalida.

Poche ore dopo, alle 15.20, gli agenti hanno notato un altro spacciatore sulla scalinata del Pincio. Quest’ultimo, vistosi scoperto, ha provato a fuggire. Invano. È stato bloccato e identificato. Si trattava di un 23enne tunisino. Aveva addosso 2,5 grammi di marijuana, raccolti in un involucro di plastica, e 22,91 grammi di hashish in un cofanetto metallico. Anche per lui stessa sorte del collega della mattina: arresto per detenzione ai fini di spaccio.

image