Bologna, 20 aprile 2017 - Stava spacciando di fronte a una scuola, in pieno giorno, quando è stato notato e arrestato dalla polizia. Così un tunisino di 22 anni è finito in manette perché trovato in possesso di oltre 6 grammi di eroina, 600 euro in contati e due cellulari, di cui uno probabilmente rubato. Erano le 13.45 quando l’uomo, in via Gandusio, di fronte alla scuola dell’infanzia Mario Rocca, è stato notato dagli agenti mentre parlava con una donna.

I poliziotti si sono avvicinati, la donna è fuggita, mentre il tunisino ha gettato una bustina di cellophane lungo una rampa di garage della strada. Il tentativo del pusher di liberarsi della droga, però, non ha funzionato. Gli agenti, infatti, hanno recuperto tutto, trovando all’interno del cellophane 17 involucri termosaldati per un totale di 6,79 grammi di eroina. Il ventiduenne, inoltre, addosso aveva circa 600 euro in contati, di banconote di vario taglio, probabilmente frutto dell’attività di spaccio, e due cellulari, ma di uno non ha saputo spiegarne la provenienza. Il pusher, quindi, è stato arrestato per possesso di droga ai fini di spaccio e denunciato per ricettazione.