Bologna, 11 settembre 2017 – Anche il consigliere comunale della Lega Nord di Bologna, Lucia Borgonzoni, ha inviato una denuncia alla Procura sul caso del mediatore culturale di origini pachistane ex dipendente della coop bolognese Lai-Momo poi licenziato e ora anche indagato per istigazione a delinquere per le frasi postate su Facebook all'indomani delle violenze sessuali di Rimini ("lo stupro è peggio solo all'inizio"). Nei confronti dello straniero, infatti, il procuratore aggiunto Valter Giovannini aveva aperto un fascicolo, dopo che in Procura erano arrivate denunce di almeno tre donne, alle quali si aggiunge Borgonzoni che chiedevano di indagare.

Agli atti dell'inchiesta, affidata alla squadra mobile, sono stati acquisite le carte del procedimento disciplinare e il post, che aveva collezionato diversi 'like' e commenti. L'istigazione si basa sull'ipotesi giurisprudenziale che questa può sussistere quando si esprime un giudizio favorevole ad un reato che si è verificato.