Bologna, 4 gennaio 2017 – «Fabio Savi vuole scrivere un memoriale? Scrivesse la verità». Anna, la mamma di Otello Stefanini, il giovane carabiniere ucciso assieme ai colleghi Mauro Mitilini e Andrea Moneta al Pilastro dalla banda della Uno Bianca la notte del 4 gennaio del 1991, come ogni anno, questa mattina, ha preso parte alla commemorazione, assieme agli altri parenti delle vittime della banda.

E ha commentato così la notizia della volontà, da parte di uno dei tre fratelli Savi, di pubblicare un suo memoriale. «Loro vivono, ma io porto ogni giorno i fiori sulla tomba di un ragazzo che aveva 22 anni e tre mesi e che mi hanno portato via. Non mi chiedano perdono, perché Dio sa che non li posso perdonare».