Bologna, 4 novembre 2016 - L'inverno si avvicina e, con esso, il pericolo dell'influenza, pronta a mettere a letto più di 6 milioni di italiani. Per questo motivo inizierà, lunedì 7 novembre, la campagna di vaccinazioni antinfluenzali promossa dalle autorità sanitarie dell'Emilia-Romagna.

La malattia, che solitamente ha il suo picco di diffusione fra i mesi di gennaio e febbraio, può risultare pericolosa in particolare per le fasce di popolazione più deboli, come anziani e bambini, e per coloro che sono già affetti da disturbi cronici. Per questo le Ausl locali consigliano la vaccinazione, che, in due settimane dalla somministrazione, consente di sviluppare un'immunità. Il periodo più idoneo per vaccinarsi è quello compreso fra novembre e dicembre, che assicura una copertura fino al termine della stagione influenzale.

A partire da lunedì prossimo, infatti, i medici di famiglia e i servizi vaccinali degli ambulatori dell'Ausl di Bologna, saranno pronti a distribuire i vaccini. Il siero ha un costo che varierà dai 12 ai 18 euro, a seconda del tipo di vaccino inoculato. Diverse categorie, però, avranno diritto alla distribuzione gratuita, perché la vaccinazione, in questi casi, è considerata strettamente necessaria per la tutela della loro salute e di quella dell'intera comunità. Saranno immunizzati gratuitamente, infatti, gli anziani oltre i 65 anni, le persone che soffrono di patologie croniche (insieme ai loro familiari) e le donne al secondo e terzo mese di gravidanza, oltre agli operatori sanitari, ai donatori di sangue e agli addetti ai pubblici servizi essenziali, come insegnanti e autisti di mezzi pubblici.

Restano, in ogni caso, l'indicazione di vaccinare tutti i bambini al di sotto dei 12 anni e alcuni consigli da seguire per contribuire alla prevenzione quotidiana. Lavarsi spesso le mani, in particolare dopo colpi di tosse o starnuti, e gettare in pattumiere chiuse il nostro fazzoletto monouso rimangono, come ogni anno, validi suggerimenti in proposito. Chiunque desiderasse ulteriori chiarimenti potrà rivolgersi al proprio medico di famiglia o contattare, al numero verde 800033033, il servizio di informazioni del servizio sanitario, attivo dalle 8:30 alle 17:30 nei giorni feriali e dalle 8:30 alle 13:30 di sabato e nei giorni prefestivi.