Bergamo, 22 ottobre 2017- Si ferma a tre il ciclo di vittorie consecutive del Bologna: Cornelius nel secondo tempo interrompe il volo dei rossoblù mandandoli al tappeto con un piatto che sorprende Mirante. L'Atalanta vince così 1-0, attingendo a tutte le sue energie dopo gli sforzi in Europa League (FOTO).

Dopo il minuto di silenzio in ricordo di Marino Perani, doppio ex scomparso di recente, si parte. Il Bologna lascia da subito il compito di impostare la gara ai padroni di casa e aspetta, sornione, di poter innescare le ripartenze di Verdi, Di Francesco e Palacio. La partita si sviluppa così principalmente nella metà campo rossoblù, ma l'Atalanta, priva di Gomez, fatica a sorprendere la ben organizzata squadra di Roberto Donadoni.

Leggi anche: Donadoni striglia i rossoblù: "Non ci abbiamo creduto"

Ilicic fa ammattire Masina conquistando diverse punizioni, ma i guantoni di Mirante rimangono puliti. E così il primo vero intervento lo deve compiere Berisha messo in difficoltà, al 10', da un retropassaggio di testa di Masiello. Al 14' Caldara è costretto ad abbattere Palacio al limite dell'area per togliere ogni imbarazzo a Berisha. Della battuta si incarica Verdi che però centra la barriera. Sono proprio le barriere difensive delle due formazioni ad avere sempre la meglio e per un nuovo sussulto bisogna attendere il 35' quando i bergamaschi sviluppano un azione insistita: dopo aver vinto un paio di contrasti i neroazzurri affidano il pallone a Cristante, il cui filtrante apre un autostrada verso la porta per Petagna che però a pochi passi da Mirante spara alto.

Dieci minuti dopo risponde il Bologna; nell'ultimo dei tre minuti di recupero Pulgar trova il corridoio giusto per Verdi che però in uno sprazzo di eccessiva generosità . Si va così al riposo sullo 0-0 con il Bologna costretto al 25' ad inserire Krafth al posto di Torosidis, fermato da un fastidio alla coscia destra.

Nella ripresa l'Atalanta parte subito a tutta dimostrando di aver recuperato dagli sforzi dell'Europa League: al 52' un cross con il contagiri di De Roon trova solo all'interno dell'area Spinazzola, ma il terzino neroazzurro fa la cosa più difficile ovvero sbagliare un gol già fatto. Donadoni dalla panchina è preoccupato e decide di inserire De Maio al posto di Di Francesco passando così alla difesa a 3.

Rivivi qui la gara minuto per minuto

E' proprio dai piedi dell'ultimo entrato che al 60' parte il lancio lungo per Palacio; l'esterno argentino trasforma un pallone molto largo in un'azione da rete, ma il suo cross si perde tra i difensori dell'Atalanta che non fa attendere la sua risposta. Al 68' il siluro di De Roon, uscito di poco, è il preludio al vantaggio di tre minuti dopo. Servito da Freuler, al 71', Cornelius non fallisce l'1-0. Il Bologna fatica a reagire facendosi vedere solo con un tiro di Verdi dal limite che termina di poco a lato e all'espulsione di Gonzalez per doppia ammonizione esce praticamente dal campo.

Gli ultimi dieci minuti sono solo una spasmodica attesa del triplice fischio di Maresca per poter ripartire da zero nella partita di mercoledì con la Lazio