Bologna, 29 dicembre 2017-  Ospite della Redazione de il Resto del Carlino, ieri mattina l'ad del Bologna Claudio Fenucci ha parlato del futuro della società rossoblù tra campo e stadio. “La ristrutturazione del Dall'Ara - ha spiegato il dirigente del Bfc- resta la prima opzione, ma sono molte le tessere del mosaico che dovranno incastrarsi nel prossimo futuro per far sì che il Bologna non debba cambiare piani”.

Il progetto preliminare, il piano economico-finanziario e lo studio di fattibilità sono già pronti ma ancora restano tre punti da perfezionare: “Il primo- dice Fenucci- riguarda il costo di consolidamento delle due tribune e dell'anello esterno in muratura. Poi ci sono ancora accordi da rifinire con i nostri partner sulla cittadella della moda che abbiamo pensato per i Prati di Caprara e infine resta da capire dove giocherà il Bologna durante i lavori. Ferrara- svela- sembra più aperta rispetto a Modena, ma vogliamo dialogare con entrambe le amministrazioni. E in ogni caso il Bologna non vuole giocare più di una stagione in un'altra città”.

Se non dovessero incastrarsi tutte le tessere Fenucci spiega come sia logico pensare ad un nuovo stadio. La volontà resta però quella di rimanere al Dall'Ara così come la volontà è quella di trattenere Verdi almeno fino a giugno: “Che interessi a squadre importanti ci fa piacere - dichiara-, ma vorrei chiuderla qui, perchè non è nostra intenzione e non è intenzione del calciatore interrompere il rapporto a metà”.

Intanto si lavora anche per costruire un futuro insieme a Palacio: “Spero resti con noi un altro anno per quello che ha dimostrato sia fuori che dentro dal campo, ma ancora non sappiamo quale sia la volontà sua e della sua familglia”. L'obiettivo per quest'anno è quello di “essere nella parte sinistra della classifica”, poi anche con l'aiuto del nuovo stadio aumentare il fatturato: “Prima di tutto dobbiamo- dice- colmare il gap di fatturato con le prime 6-7 della classe”. Questa crescita passerà però non solo dalla scrivania ma anche dal campo.  

Bologna-Udinese, le probabili formazioni