Bologna, 23 agosto 2017 - «A quelle nazionali ci sono stato, invece sarà la mia prima volta a una festa provinciale del Pd a Bologna. Diciamo così, è un segno dei tempi che cambiano». Gioca al telefono Pier Ferdinando Casini. «Ma non voglio fare il sindaco eh – scherza –. Non avrei mai pensato di arrivare verso la fine della mia attività politica sperando che il Pd reggesse come forza di garanzia del sistema, a livello nazionale. A livello locale, se l’alternativa al Pd è questa Lega, era giusto che vincessero i dem. Tornando alla Festa – scherza ancora Casini, ricordando (seriamente) il suo appoggio al governo attuale –, dopo pochi anni di attività parlamentare vivrò anche questa brezza dell’esordio».

L’ex presidente della Camera sarà alla Festa il 17 settembre per il dibattito ‘La sfida delle autonomie per il sistema Paese’, e non è l’unico ospite di una certa importanza della Festa dell’Unità 2017, il Romanzo Popolare che presenta un programma variegato con 150 dibattiti, si va all’aperto coprendo 26 giorni, da domani fino al 18 settembre. Ci sarà il procuratore capo Giuseppe Amato, anche questa una novità, che interverrà il 13 settembre al dibattito ‘La Giustizia a confronto’, moderatore il capocronista del Resto del Carlino Valerio Baroncini. E ci sarà anche Walter Veltroni, che dopo l’introduzione di Irene Priolo converserà il 6 settembre alle 18.30 sul tema ‘Ritrovare l’umanità, riscoprire la politica’. Sette i ministri che interverranno: Maurizio Martina e Claudio De Vincenti l’1 settembre, per l’apertura della festa nazionale dell’agricoltura, Andrea Orlando il 2 e 12 settembre, Gianluca Galletti e Dario Franceschini il 3, Giuliano Poletti il 4; Valeria Fedeli il 6.

Festa dell'UInità: ecco tutti i ristoranti

L’11 settembre toccherà invece al sottosegretario Maria Elena Boschi, mentre per il leader del Pd, Matteo Renzi la data dovrebbe essere il 2 settembre, come anticipato dal Carlino. Anche se c’è una leggera incertezza, forse dettata dal possibile incrocio con Orlando. «Renzi ci comunicherà la disponibilità al ritorno dalle ferie, ma verrà sicuramente, nei primi giorni di settembre». Tra i big del partito ci sarà il 26 agosto il capogruppo alla Camera Ettore Rosato, mentre il 9 settembre ci saranno Matteo Orfini, Sandra Zampa e Debora Serracchiani per un dibattito sul Pd insieme ad Andrea De Maria e a Paolo Calvano. Il 16 settembre, invece, è in programma il duetto tra Lorenzo Guerini e Gianni Cuperlo. Matteo Richetti sarà presente il 15 settembre, mentre il governatore Stefano Bonaccini parlerà di Autonomia il 17 con Casini e Giorgio Gori. A Elisabetta Gualmini, con Rizzo Nervo, toccherà il 31 agosto sull’Immigrazione.

Note di Congresso, come detto, poche. Critelli e Rizzo Nervo si incroceranno soltanto il 12 settembre sul tema ‘il diritto alla salute’: il segretario saluta, l’assessore interviene. Ci sarà un un incrocio tra Marco Lombardo e Andrea De Maria il 1° settembre sul tema dei populismi in Europa. Poi Merola: si parlerà di lavoro il 30 agosto, con il confronto tra il sindaco e i segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil. Il primo cittadino farà poi la consueta intervista con la stampa cittadina l’8 settembre. Di impresa e formazione si parlerà il 14 settembre col rettore Francesco Ubertini, Rita Ghedini e il presidente di Unindustria, Alberto Vacchi.