Bologna, 13 gennaio 2018 - Si è riunita questa mattina a Bologna, nella Sala Imperiale del Royal Hotel Carlton, l'Assemblea nazionale di Fratelli d'Italia. L'assise è servita, alla presenza del presidente Giorgia Meloni, oltre che a ribadire i punti chiave della sua visione politica, a perfezionare alcune modifiche statutarie e a svelare il nuovo simbolo elettorale, che vede il nome dell'ex ministro campeggiare sopra a quello del partito e alla fiamma tricolore (FOTO).

La Meloni si è esposta anche sulla possibilità che Pierferdinando Casini si candidi a Bologna con il Pd e Pier Luigi Bersani con Liberi e Uguali. "Non mi sorprende - ha detto - perché il Pd mi pare abbia fatto scelte non esattamente di sinistra da tempo. Non sta a me giudicare nel campo della sinistra, mi pare semplicemente di poter dire che capisco quei cittadini che hanno votato in buona fede a sinistra per una vita, e che vengono da me e mi dicono che hanno una crisi di identità e che si sentono più rappresentati dalle nostre posizioni che da quelle del partito democratico". 

image

Da lunedi, poi, il programma di governo sarà consultabile sul sito internet di Fratelli d'Italia, mentre le consultazioni politiche del prossimo 4 marzo sono ormai sempre più vicine. Al battesimo del nuovo simbolo, ha assistito dalla prima fila anche Daniela Santanché in un completo ultra-violet, il colore del 2018.

"Gli italiani il quattro marzo avranno due scelte: la scelta del centrodestra, che è l'unica tra le tre coalizioni in campo che può raggiungere una soglia tale da avere un governo che è frutto di una scelta dei cittadini e non di un gioco di palazzo, o l'ingovernabilità: non c'è un'altra soluzione", ha scandito la Meloni a margine dell'assemblea. "Il Pd - ha aggiunto - non avrà mai i numeri per avere una maggioranza da solo, il Movimento 5 Stelle non avrà i numeri per avere una maggioranza da solo, gli unici che possono avere una maggioranza scelta dai cittadini siamo noi del centrodestra altrimenti ci sarà o l'inciucio o il caos".

L'ultima stoccata è per l'Anpi di Carrara che l'ha denunciata con l'accusa di apologia del fascismo per avere intitolato ad Atreju una via a Italo Balbo. A loro la Meloni risponde con una "pernacchia. Penso che sia sotto gli occhi di tutti - ha argomentato - come tutta questa querelle che è rinata curiosamente sull'antifascismo, la coperta di Linus che il centrosinistra tira fuori quando sta in ginocchio, in realtà servisse solamente a provare a mettere in silenzio i propri avversari politici».