Bologna, 5 dicembre 2017 - Il titolo italiano conquistato nei mesi scorsi le andava stretto. Così stretto che Sofia Tomasoni, 15 anni, a Barra Grande, in Brasile, ha conquistato il mondiale giovanile della classe Twin Tip, Racing Slalom. Successo che vale doppio perché nessuna ragazza italiana, in passato, era stata così brava.

«Sono veramente felice – il commento di Sofia – di questo primo posto. Non me l’aspettavo. Ho lottato fino all’ultimo e non ho mai mollato nonostante le condizioni difficili. il vento forte, il caldo e la stanchezza. Ma alla fine il duro lavoro ripaga sempre».
Felice, Sofia, anche perché adesso potrà tornare in classe, riprendendo gli studi al liceo linguistico Malpighi. Sofia, al terzo anno, sta seguendo il protocollo che va sotto il nome di «atleta eccellente, studente valente», ed è grata per il supporto che gli garantisce il suo istituto. Anche perché volare in Brasile, per quasi sette giorni, comporta comunque qualche sacrificio a livello scolastico.

Tornando alla gara, il successo alla fine arriva perché Sofia Tomasoni è così brava da imporsi cinque volte nelle dieci batterie imposte dalla federazione. Ma il cammino di Sofia, che dopo aver giocato a calcio, due anni fa ha scoperto il fascino del kitesurf, è solo agli inizi. A febbraio ci saranno gli Europei a Dakla, in Marocco, mentre nel mese di aprile ci saranno i Mondiali in Cina.

Ma grande attenzione di Sofia, che garaggia per il Cv Hang Loose, è posta sull’Europeo anche perché, oltre alle medaglie d’oro, mette in palio i posti per le Olimpiadi Giovanili che sono in programma nel 2018 in Argentina. E Sofia, dopo il titolo iridato giovanile, vuole regalarsi anche una esperienza olimpica.