Bologna, 12 gennaio 2018 – Vigilia di derby in casa Virtus Segafredo. La formazione di Alessandro Ramagli si prepara a scendere in campo, domani sera al PalaDozza alle 20.45, nell’ultima giornata del girone di andata, contro Reggio Emilia. Sfida fondamentale per il presente e per il futuro bianconero quella che va in scena al Medison di piazza Azzarita. Attualmente nona in classifica, la Virtus ha ancora la possibilità di staccare un biglietto per Firenze dove, al Mandela Forum, si disputerà la Final Eight di Coppa Italia di basket. La Virtus è chiamata alla vittoria, prima di tutto per lasciarsi definitivamente alle spalle il brutto ko di domenica scorsa ad Avellino e poi, in attesa di vedere il risultato delle dirette concorrenti, per continuare a sperare. A dare la carica alla sua Virtus è il tecnico Alessandro Ramagli.

“Affrontiamo una squadra rinnovata dopo 5 anni di serie A con investimenti importanti e risultati fondamentali. Reggio è ripartita con un nuovo progetto e un roster rivoluzionato. Sono arrivati giocatori di esperienza come James White e Julian Wright. Arriva qui senza pretese e senza ambizione ma per cercare di confermare il loro momento positivo, con il rientro anche di Riccardo Cervi. Noi dobbiamo pensare molto a noi è poco agli altri: è una partita che se riuscissimo a portarla a casa ci permetterebbe di continuare a sperare nella Coppa Italia e ci permetterebbe di arrivare ad un record positivo alla fine del girone d’andata.”

Che Virtus vedremo?

“A livello di singoli Lawson ha avuto un attacco influenzale, si è allenato solo ieri e oggi; è ovvio che la squadra voglia riscattare subito la brutta prova di Avellino. È normale avere cattiveria in questo senso e domani tutti proveremo a farlo. La classifica non mente mai, qualcosa è mancato. Se sei a ridosso dei playoff significa che quello attualmente è il tuo livello. Bisogna alzare il livello di competitività e soprattutto tecnico. All’inizio della stagione eravamo con la testa più libera, andando avanti con la stagione abbiamo guadagnato più solidità, soprattutto nelle partite decise nel finale”.

La sfida in cifre – Anche nel 2015/16, l’ultimo in Serie A della Virtus, le due squadre si sono affrontate all’ultima giornata. All’Unipol Arena, la Grissin Bon vinse per 77-67. La prima sfida in serie A risale al 2 dicembre 1984, Bologna - Reggio Emilia 72-75. E’ il primo precedente in serie A tra Ramagli e Menetti. Sfida nella sfida il confronto tra i due migliori tiratori dalla lunetta e ex compagni Della Valle e Aradori, il giocatore di Reggio è primo con 93.2 per cento, la guardia di Bologna seconda con l’89.1. Infine Alessandro Gentile ha il primato in campionato come numero maggiore di tiri realizzati, sono 105 al momento.